Banfi ci scherza su: Nicola canti la ninna nanna ad Aristoteles come facevo io

Chissà se Davide Nicola canterà anche lui la ninna nanna al suo Aristoteles come faceva il mitico Oronzo Canà-Lino Banfi per non far sentire la saudade al centravanti della Longobarda? Ci scherza su proprio Lino Banfi che dà questo consiglio all’allenatore del Crotone nell’intervista realizzata da Maurizo Nicita sulla Gazzetta dello Sport del 1° settembre a proposito dell’ultimo acquisto rossoblu: il centrocampista venezuelano Hermes Aristoteles Romero. Quel nome di battesimo, Aristoteles, ha ridestato i ricordi su uno dei più divertenti film comici ispirati al mondo del calcio: L’allenatore nel pallone. Protagonista una squadra di periferia, la Longobarda, che allenata da Oronzo Canà con il suo modulo 5-5-5 arrivava in Serie A e riusciva a salvarsi grazie alle prodezze del centravanti sconosciuto Aristoteles. Un po’ come il Crotone che è andato a pescare un calciatore sconosciuto che curiosamente porta il nome di Aristoteles. Anche se si tratta de nome di battesimo (che il padre gli ha dato perché appassionato di filosofia), il web si è scatenato su questa coincidenza.
Nell’intervista alla Rosea, Banfi tra il serio ed il faceto sostiene il Crotone: “Sono convinto – dice Canà-Banfi – che la squadra calabrese dopo il miracolo della stagione scorsa, quando si salvò all’ultima giornata come la mia Longobarda, ce la farà anche stavolta. Però saranno fondamentali due cose: che l’allenatore Nicola, come facevo io canti, la nanna ad Aristoteles per evitagli la nostalgia per il Sudamerica e che il club non compri Fulgenzio Crisantemi che quello porta assai male. E poi sono legato al Crotone”.
Al giornalista che gli chiede I motivi del legame Banfi spiega: “E perché sono di ‘Bolzeno’ e tifo per le squadre del Sud. L’ andavo con l’avanspettacolo e quando mi urlavano ’vieni avanti cretino’ per me era ’vieni avanti Crotone’… mi sentivo un cretino più grosso”.

Ultima modifica: 1 September 2017

In questo articolo