Controlli sui gazebo: i commercianti del lungomare chiudono per protesta | VIDEO

Singolare protesta degli esercenti del lungomare di Crotone che questa sera, intorno alle 22, hanno chiuso tutti i locali contro i controlli inviati dal Comune per la verifica del rilascio delle autorizzazioni per l’occupazione del suolo pubblico. Sul lungomare si sono presentati gli agenti della Polizia municipale supportati dai carabinieri.

La protesta nasce dal fatto che i titolari di bar, gelaterie e ristoranti che sono sul lungomare hanno subito il controllo venerd√¨ sera e, nonostante avessero mostrato la ricevuta di pagamento della quota per l’occupazione del suolo pubblico, sono stati invitati a ritirate tavoli e gazebo posti sul lungomare perch√© il pagamento della tassa non certifica il rilascio dell’autorizzazione. In pratica la maggior parte degli esercenti, pur avendo pagato non era in regola. I commercianti sono stati multati per occupazione di suolo pubblico: circa 110 euro.

Da qui la protesta di chiudere completamente, in un venerdì sera di metà luglio, i locali. I commercianti contestano la modalità con la quale è avvenuto il controllo: sarebbe bastato che il Comune ci avesse avvisato Рdicono Рche mancavano delle autorizzazioni praticamente a tutti nonostante il pagamento della tassa ed avremmo cercato di mettere la situazione a posto. Molti hanno spiegato che mai, nonostante negli anni abbiano sempre pagato la tassa di concessione, hanno mai ricevuto notifiche di rilascio di autorizzazioni.

Contestazioni anche sulla scelta del periodo del controllo: considerato che in gran parte hanno pagato tra maggio e giugno la tassa di occupazione di suolo pubblico, viene denunciato il ritardo da parte degli uffici del Comune¬†nel concedere o quantomeno verificare i requisiti per l’autorizzazione. Secondo una stima il danno economico dei mancati incassi della serata di venerd√¨ si aggira tra i 60 e gli 80 mila euro. Nel pomeriggio erano stati allontanati tutti i commercianti ambulanti che erano sul lungomare e invitati ad andare in piazzala Ultras, sede deputate a questo tipo di mercatino.

Ultima modifica: 15 luglio 2017

In questo articolo