Categorie

Crotone, la solita delusione: anche la Fiorentina passa allo ‘Scida’

crofio2Siamo alle solite. Rimpianti e altri rimpianti. E la serie B realtà sempre più concreta. Il Crtone si arrende anche alla Fiorentina, fallendo l’ennesima chance di accorciare il distacco dalla salvezza e a questo punto vede quasi del tutto svanite le possibilità di riprendere il treno della salvezza. La solita sceneggiatura è andata in onda allo Scifda anche contro la Fiorentina: una pochezza disarmante, una qualità così scadente mai vista, ma ancora più amara la consapevolezza di un’assenza di ferocia e volontà, quasi come se la rassegnazione prevalga sulla determinazione. Eppure il Crotone era sceso in campo conoscendo già il risultato dell’Empoli (sconfitto dal Napoli) che avrebbe potuto rilanciare i rossoblù in un interessante -5 in caso di vittoria. Ma neppure questo è riuscito a scuotere una squadra piatta, svuotata e assolutamente impresentabile per certi paloscenici.

La Fiorentina ha sciupato una mezza dozzina di palle gol, e nel primo tempo ha piàù volte graziato i rossoblù, insolitamente poco equilibrati anche dalla cintola in giù, e questo merito di una Viola che come di consueto non ama concedere punti di riferimento e ha creato imbarazzo nella copertura degli spazi ai rossoblù.

Nicola sceglie Tonev e lo affianca a Falcinelli, ma la mossa non sortirà l’effetto sperato. Nella Fiorentina manca invece Bernardeschi, e dunque salta il ritorno a Crotone dell’ex baby rossoblù. I viola sfiorano il vantaggio dopo neppure due minuti con Tello, e mentre sull’altro fronte Falcinelli si conferma uomo più pericoloso ma allo stesso tempo anche egoista, la partita torna a disputarsi regolarmente nella metà campo dei padroni di casa, che faticano a contenere il palleggio dei toscani, particolarmente abili in questa prospettiva di gioco. Kalinic grazia Cordaz, mentre Ilicic colpisce il palo permettendo al Crotone di andare all’intervallo sullo 0-0. Ti aspetti un secondo tempo furioso dei rossoblù, ma il Crotone si conferma limitato anche nella determinazione, lasciando negli spogliatoi quella ‘garra’ che servirebbe per ridurre il gap con i rivali. Stoian attraversa una di quelle giornata irritanti nelle quali sbaglia tutto e gioca e con una sufficienza estrema, davanti la pochezza di idee e geometrie è inquietante, il resto lo fa Nicola che nei cambi si conferma poco illuminato. Acosty resta in panca novanta minuti così come l’oggetto misterioso Kotnik. E il tecnico, giusto per rendere l’idea, si gioca l’ultima carta del cambio rilevando Barberis con Capezzi. Il Crotone nel finale mostra il segno della stanchezza e non dà più la sensazione di poter far male, la Fiorentina aumenta la pressione  e trova l’acuto proprio al 90’, con Kalinic che elude la trappola del fuorigioco e con un pallonetto super a Cordaz in disperata uscita. E’ il solito film, quello degli infiniti rimpianti e di uno spettacolo davvero mortificante.

 

CROTONE: Cordaz; Rosi, Ceccherini (60′ Dussnne), Ferrari, Mesbah; Rohden, Berberis (82′ Capezzi), Crisetig, Stoian; Tonev (52′ Trotta), Falcinelli. A disp: Festa, Viscovo, Martella, Sampirisi, Sulijc, Nalini, Acosty, Kotnik, Simy. All. Nicola

FIORENTINA: Tatarusanu; Sanchez, Gonzalo, Astori; Chiesa (62′ Saponara), Vecino, Badelj (71′ Olivera), Borja Valero, Tello; Ilicic (71′ Babacar), Kalinic. A disp: Satalino, Sportiello, De Maio, Salcedo, Milic, Cristoforo, Hagi, Maistro. All. Paulo Sousa
Arbitro: Pairetto di Nichelino
Rete: 90′ Kalinic (F)
Ammoniti: Cordaz (C), Gonzalo (F)
Spettatori: 8.000

 

19 marzo 2017

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.