Il Crotone saluta la serie A. Niente miracolo a Napoli, e le altre vincono tutte….



Il Crotone e la serie A si salutano nel modo più malinconico e triste. Nel pomeriggio del San Paolo che festeggia il Napoli e lascia amarezza e rimpianti ai rossoblu, ai quali serviva una impresa per garantirsi la salvezza. Niente da fare però è neppure illusione, perché la speranza è evaporata quasi subito. Il tempo di prendere  le misure, e anche un Napoli con le marce ridotte ha messo all’angolo un Crotone invece mai in partita, consapevole dell’impresa da compiere ma che non ha mai dato la sensazione di poter invertire il pronostico. Non è dunque ripetuto il miracolo dello scorso anno, e in virtù della sconfitta dei rossoblu, non è servito neppure confidare nei risultati dagli altri campi. Avversarie che per la cronaca hanno vinto tutte…

Venti minuti al piccolo trotto per entrambe. Il Crotone che tiene le posizioni e prova a sbarrare la strada ad un Napoli sonnolento. Poi all’improvviso la squadra di Sarri si accende e mette la freccia. Insigne sale in cattedra e scodella due assist in serie favolosi che Milik e Callejon capitalizzano nel bel mezzo di una difesa rossoblu assente ingiustificata. Ti aspetti una reazione feroce e invece il Crotone accusa il colpo e concede la platea al Napoli che fa quello che vuole. Cordaz deve superarsi per ben due volte per evitare il tracollo mentre i rossoblu danno segnali di reazione concreta.

Il Crotone sente di avere oramai compromesso il proprio destino e trascorre un secondo tempo senza mai alzare il ritmo e anzi più volte cordaz ci ha messo le manone per evitare un passivo ancora più pesante. Nel finale Tumminello trova col sinistro il gol che serve soltanto per alimentare i rimpianti ma non cambia il senso del verdetto. Il Crotone riparte dalla serie B al termine di una stagione comunque positiva ma compromessa in troppi scontri diretti falliti.

Ultima modifica: 21 maggio 2018

In questo articolo