Crotone-Spal, Zenga: sereni e concentrati per vincere


Walter Zenga

CROTONE – “C’è voglia di vincere per riprenderci i punti sfumati nelle ultime gare”. Walter Zenga spiega così l’atteggiamento con il quale il Crotone si appresta ad affrontare domenica alle 12.30 la Spal all’Ezio Scida. Gara importante per la zona calda della classifica visto che il Crotone precede di 4 punti la Spal terzultima. Zenga, però, sottolinea che nell’approccio alla gara “stiamo lavorando come sempre”. “Non guardiamo chi arriva e come arriva – prosegue Zenga -.  Giocheremo per vincere come abbiamo fatto sempre. Il nostro atteggiamento non cambia se giochiamo con l’ultima o con la prima in classifica. Il mio lavoro è quello di trovare soluzioni per fare sempre meglio. Per questo non c’è stato alcun cambio nella preparazione rispetto ad altre gare. È stata una settimana normale come le altre. L’intensità è la nostra compagna di viaggio”.
Concentrazione e serenità sono le parole d’ordine di Zenga: “Se vinciamo con la Spal non ci cambia niente perché ci sono altre gare da giocare. Con la Spal serve grande attenzione, io diffido sempre da squadre che vengono da periodi negativi, però  il vantaggio che abbiamo sulle altre, anche negli scontri diretti, ci deve dare serenità per affrontare meglio queste tipo di partite. Non ho idea della quota salvezza, per questo non c’è una gara più importante dell’altra, e per questo il nostro compito è cercare di fare più punti possibili sempre”.

Sullo schieramento anti-Spal Zenga sembra orientato a confermare alcune delle scelte viste a Benevento come Ajeti a centrocampo (“a Benevento è stato il migliore in campo” ha detto il tecnico). Più probabile l’utilizzo di un attaccante di ruolo (tra Trotta o Budimir) al centro del reparto avanzato: “Le scelte sono fatte in base a quello che si vede in settimana agli allenamenti” ribadisce Zenga.

L’allenatore del Crotone poi precisa la questione dei gol subiti su palla inattiva con Cagliari,  Atalanta e Benevento: “Il vero problema è che non riesciamo noi a far gol su palla inattiva.  Sui gol presi se andate a vedere avevamo sempre noi intercettato e respinto il pallone e solo sull’azione successiva poi arriva il gol. Abbiamo comunque cercato di valutare queste situazioni in settimana”. Infine, Zenga parla del ritorno di Tumminello: “Gli manca ancora tanto, ma allenarsi da solo è un conto, stare con squadra è diverso. In accordo con la Roma è tornato per recuperare lo spirito dello spogliatoio”.

Ultima modifica: 23 febbraio 2018

In questo articolo