Firenze, sequestrati beni per 5 milioni a tre imprenditori di Strongoli



La Direzione investigativa antimafia di Firenze ha sequestrato un patrimonio stimato in oltre cinque milioni di euro nei confronti di tre imprenditori calabresi: G.I., 80 anni, M.C., 60 anni, V.B., 57 anni, tutti originari di Strongoli (Crotone), ma radicati da molti anni in Toscana. Il provvedimento, emesso dalla Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Firenze, scaturisce da complesse indagini condotte dalla Dia, coordinate dal procuratore della Repubblica, Giuseppe Creazzo, e dirette dal sostituto procuratore, Eligio Paolini, che hanno consentito di dimostrare non solo le ingenti movimentazioni di capitali e gli investimenti immobiliari effettuati dagli stessi (frutto di reati fiscali e altre attività illecite) a fronte di esigui redditi dichiarati, ma anche i legami con la criminalità organizzata calabrese.

Tra le molte operazioni poste in essere dai tre imprenditori calabresi, spicca quella relativa ad una societ√† di costruzioni con sede a Strongoli di cui oltre il 50% del capitale √® detenuto da G.I. (unitamente alla moglie, alle due figlie e al genero), mentre la restante parte √® suddivisa tra M.C., V.B e i loro familiari. Nello specifico, attraverso tale societ√† √® stata sviluppata un’articolata operazione immobiliare per la costruzione di 66 appartamenti su un terreno sito a Prato, acquistato per oltre un milione e trecentomila euro, la cui provvista di denaro √® stata fornita in contanti e senza l’ausilio di alcun finanziamento bancario. Inoltre, particolare attenzione da parte degli investigatori √® stata posta anche sulle movimentazioni dei conti bancari di tutti i componenti dei rispettivi nuclei familiari, in cui sono stati versati dal 2009 al 2014 contanti per oltre un milione di euro. Infine, le indagini della Dia hanno evidenziato contatti tra i tre imprenditori calabresi e gli appartenenti alla famiglia Giglio, organici all’omonima ‘ndrina dominante a Strongoli, nei cui confronti sono state fatte transazioni di denaro senza alcuna giustificazione lecita.

I sequestri, avvenuti nelle province di Firenze, Prato, Pistoia e Crotone, riguardano 9 società, 19 immobili (tra fabbricati e terreni), 6 beni mobili registrati (5 autovetture e un motoveicolo) e 40 rapporti bancari (conti correnti, libretti di deposito e dossier titoli), riconducibili a 21 soggetti, tra persone fisiche e giuridiche, il cui valore è stato stimato in oltre 5 milioni di euro.

Ultima modifica: 7 maggio 2017