Fotografi Crotonesi – Francesco Porcheddu



Guardando le foto di Francesco Porcheddu tutto appare chiaro: sono vive, vibranti, e sebbene nella maggior parte dei casi in bianco e nero sembrano più colorate che mai. La meraviglia ci pervade. La voglia di andare lì fuori e vivere ci investe. Una delle sue citazioni preferite è del sommo maestro Ansel Adams: “Tu non fai una fotografia solo con la macchina fotografica. Tu metti nella fotografia tutte le immagini che hai visto, i libri che hai letto, la musica che hai ascoltato, e le persone che hai amato”. Lui queste cose ce le mette tutte, e a chi sa guardare non rimane che godersi lo spettacolo.

Cosa ti ha portato ad appassionarti della fotografia?

La curiosità: iniziò tutto con un ingranditore regalato a mio padre da un suo amico: a 11 anni iniziai a restaurarlo sotto la guida ed i consigli di un vicino di casa appassionato di fotografia (Domenico Perpiglia ndr), era il 1991 ed il digitale era neanche un miraggio. Così iniziai a stampare qualche fotografia da negativo a colori. Un anno dopo sviluppavo e stampavo già i miei negativi utilizzando una Lubitel2, 6×6 russa. Poi arrivò una Minolta SRT303b, la mia prima reflex. I miei “Maestri sono stati Domenico Perpiglia, Felice Troilo, Sergio Cimino…e Pierino, che mi faceva prezzi buoni sulle pellicole scadute (la fotografia era un hobby davvero costoso già dall’epoca). Amo la fotografia per il silenzio che ho in testa quando sono solo con la mia macchina fotografica e per le persone che incontri.

Quali soggetti preferisci?

Gli unici soggetti che preferisco sono i miei figli, Luna di 16 anni ed Alessandro di 3. Per il resto non ho “soggetti”. Per me il vero fine è il fotografare. È un atto consapevole, deve esserlo. Fotografare non è un semplice “io c’ero” ma un gigantesco “io sono”.

Cosa vuoi raccontare con le fotografie?

La meraviglia della vita. La curiosità e la “meraviglia” sono muscoli che vanno continuamente allenati, e la fotografia è uno dei modi. Condividere la mia meraviglia, invece, spero serva a risvegliare in qualcuno questa curiosità persa

Ultima modifica: 31 luglio 2018

In questo articolo