Se a illuminarci sono solo la luna e le stelle

E sì che le stelle si vedono meglio al buio, è vero pure che lontani dalle illuminazioni la luna che si specchia sul mare ha tutto un altro fascino… Però, se per vivere queste suggestioni a tarda sera lungo la parte più bella della costa crotonese bisogna rischiare la vita, allora no, rinunciamo alle stelle, alla luna e pure alla possibilità di vivere momenti romantici.
Nella lunga notte di San Lorenzo, mentre tutti i lidi balneari brulicavano di gente e le spiagge libere erano animate da feste e falò, via per Capo Colonna era completamente al buio. Le curve che portano al promontorio Lacinio erano trafficate di macchine in salita ed in discesa che rischiavano continuamente di scontrarsi sotto i lampioni spenti.
Perché l’illuminazione c’è, ma è spenta.
Quella strada è di competenza provinciale, ma vista la mala sorte in cui sono precipitate le casse della Provincia di Crotone, da quando è stata nei fatti smantellata, sarebbe da stolti aspettare un intervento. Per questo nei mesi scorsi, dopo che i fedeli hanno percorso il pellegrinaggio della Madonna di Capo Colonna completamente al buio, il primo cittadino di Crotone, Ugo Pugliese, aveva assicurato che del problema se ne sarebbe fatto carico il Comune di Crotone, proprio nella consapevolezza che quel percorso rappresenta una risorsa per l’estate crotonese, una via di accesso a tante sedi balneari, oltre che la strada per raggiungere una delle attrattive principali della città.
Tuttavia, proprio nel momento clou dell’estate, addirittura nella caotica notte di San Lorenzo, una delle più caotiche di tutta l’estate, quella strada è rimasta al buio.
Completamente al buio pure la zona del santuario, nelle adiacenze del museo e dell’anfiteatro. Che a nessuno venga in mente di andare da quelle parti a fare una passeggiata romantica, avvisate i turisti!
Complicato anche raggiungere locali e ristoranti della zona senza rischiare di finire in un burrone. Le auto brancolano, seguono sempre qualcuno che si spera conosca la strada per ritrovarsi puntualmente davanti ad un vicolo cieco dal quale è pure difficile uscire senza fare danni alla propria auto o a quella degli altri.
Insomma, inutile illudersi, le istituzioni – Comune o Provincia che siano – questo problema non riescono proprio a risolverlo ed è inutile continuare a perorare la causa del turismo, dell’estate o della Madonna di Capo Colonna.
Un’altra strada si potrebbe ancora provare, tanto gli esperti dicono che le stelle continuano a cadere anche dopo San Lorenzo e con quel buio pesto a Crotone non avremo difficoltà a scorgerle: ecco, alziamo gli occhi al cielo, potrebbe essere questo uno dei desideri da esprimere davanti ad una stella cadente, vedere l’illuminazione accesa lungo le curve di Capo Colonna e sul promontorio.

Ultima modifica: 12 agosto 2017

In questo articolo