Immigrazione, il sit della Cgil Crotone contro la chiusura dei porti



CROTONE – Bandiere rosse e “Bella ciao” al sit-in organizzato sul porto vecchio di Crotone dalla Cgil provinciale per dire no alla decisione assunta dal ministro dell’Interno, Matteo Salvini, di chiudere i porti italiani all’accoglienza dei migranti, in particolare della nave Acquarius, che da giorni vaga, con circa 630 migranti a bordo, nelle acque del Mediterraneo.

Una chiamata a raccolta, come ha sottolineato il segretario provinciale di Cgil, Raffaele Falbo, per dire no a chi con mosse propagandistiche ma poco risolutive concretamente  intende negare diritti umani a quanti scappano dalla loro terra, mettendo a repentaglio anche la vita di donne e bambini. La presenza sul porto vecchio ha quindi voluto sottolineare una presa di posizione contro il pericolo di derive razziste, in nome della fratellanza e della solidarietà.

Erano presenti oltre alla Cgil, Arci Crotone, Libera, Agorà Croton.

 

Ultima modifica: 13 giugno 2018

In questo articolo