Isola, siccità: Coldiretti sollecita i sopralluoghi per certificare i danni

Coldiretti Calabria ha chiesto alla Regione Calabria immediati sopralluoghi nell’altopiano di Isola Capo Rizzuto e fondo valle Tacina, la zona che, questa estate, è stata maggiormente interessata da una drammatica emergenza idrica, tesi a certificare l’entità del danno subito alle colture e avviare quindi lo stato di riconoscimento della calamità per la siccità con il ristoro alle aziende agricole.
“Nell’altopiano di Isola Capo Rizzuto – rileva Coldiretti – la perdurante assenza delle precipitazioni e le alte temperature hanno di fatto anticipato l’estate condannando l’agricoltura, a una penuria di risorse idriche senza precedenti che ha causato uno stato soccombenza dei coltivatori della ‘prima coltura’ con un visibile danno. Una situazione – continua Coldiretti – a cui non è riuscito completamente a far fronte il Consorzio di bonifica Ionio Crotonese che con grande responsabilità, si è impegnato per limitare gli effetti dell’emergenza promuovendo virtuose azioni: informative, di turnazione, di vigilanza per evitare usi impropri dell’acqua, di monitoraggio continuo della situazione anche attraverso appositi tavoli istituzionali alla Regione e Prefettura’.

Ultima modifica: 13 settembre 2017

In questo articolo