L’ultimo saluto a Guerino, il giovane operaio di Papanice morto sul lavoro

guerino elia, poggio a caiano, prato, don angelo elia, enrico pedace, papanice

POGGIO A CAIANO – Un lungo applauso ha accolto il feretro di Guerino Elia all’uscita dalla chiesa del santissimo Rosario di Poggio a Caiano, in provincia di Prato. I funerali del 46enne operaio orignario di Papanice, vittima il 5 ottobre scorso di un tragico incidente sul lavoro, hanno avuto luogo questo pomeriggio, gioved√¨ 12 ottobre, alla presenza di una numerosa folla. Amici e conoscenti del picolo centro toscano, dove il giovane lavorava da anni ed era conosciuto e stimato, anche per via del ruolo di dirigente della locale squadra giovanile di calcio. Ma anche tanta gente originaria di Papanice, alcuni provenienti direttamente dalla Calabria, altri convenuti dai centri del nord Italia e di oltre confine dove sono emigrati.

Un lungo corteo ha seguito in religioso silenzio la salma prima di entrare in chiesa, dove c’era ad attenderla il parroco di Papanice, nonch√© zio del defunto, don Angelo Elia, che ha officiato la santa messa. Nella folla stipata tra i banchi, √® stato visto il consigliere comunale Enrico Pedace, giunto in Toscana con altri a bordo di un pulmino. Inoltre la societ√† e la squadra giovanile del Poggio a Caiano al completo. Momenti di intensa commozione, tutti stretti, in un grande abbraccio ideale, intorno a Maria Rita, la giovane vedova, ed ai tre figli di Guerino: Marcello, Martina ed Angela. All’uscita dalla chiesa (nelle foto) la bara √® stata accolta da uno scrosciante applauso, prima di essere trasferita al cimitero del piccolo centro del pratese, dove il giovane riposer√† per sempre in pace.

Ultima modifica: 13 ottobre 2017

In questo articolo