Lungomare, semina il terrore con una forbice e ferisce un immigrato

Un cittadino gambiano di venti anni è stato tratto in arresto dagli agenti della squadra Volanti. Il giovane è accusato di tentata rapina aggravata in danno di un altro extracomunitario. Ferito ad un braccio con un’arma da taglio, quest’ultimo ha riportato lesioni guaribili in venti giorni.

Richiedente asilo politico e senza fissa dimora, il gambiano era stato fermato nel pomeriggio sul lungomare di Crotone per minacce ai residenti, dai quali pretendeva denaro per parcheggiare su viale Cristoforo Colombo. Gli agenti gli hanno trovato addosso una forbice con una lama lunga sette centimetri e qualche grammo di marijuana.

Accompagnato in Questura, il giovane africano ha cominciato a dare in escandescenze, distruggendo arredi dell’ufficio ed inveendo contro il personale. Immediato il deferimento in stato di libertà all’Autorità giudiziaria – per minaccia, resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento di cose e strutture appartenenti ad enti pubblici, porto di armi e/o strumenti atti ad offendere – ed a quella Amministrativa per il possesso di sostanza stupefacente.

Al termine dell’attività di polizia è stato rilasciato, ma non era la sua giornata: in serata la tentata rapina ed il ferimento di un altro extracomunitario lo hanno riportato in Questura, dalla quale questa volta è uscito ma solo per essere tradotto in carcere.

Ultima modifica: 13 agosto 2017