Marrelli hospital, burrascoso incontro in prefettura. Scura irremovibile



Fumata nera per il Marrelli Hospital. Le notizie emerse dall’incontro che si è tenuto oggi presso la Prefettura di Crotone, al quale hanno partecipato i commissari Scura e Urbani, la dirigenza del Marrelli Hospital, l’assessore comunale Frisenda, la consigliera regionale Flora Sculco, il dirigente del Dipartimento regionale della Salute, Riccardo Fatarella, il commissario straordinario dell’Asp di Crotone, Sergio Arena, e il prefetto De Vivo, non sono per niente positive.
I commissari regionali alla sanità – che alla fine della riunione hanno preferito prendere un’uscita secondaria, senza rilasciare alcuna dichiarazione – sono rimasti fermi sulle loro decisioni, senza lasciare uno spiraglio su una variazione del decreto che ha stabilito l’assegnazione di un budget di 2,9 milioni di euro alla casa di cura crotonese, tantomeno sulla proposta avanzata da Arena.
Il decreto è già stato emanato e, per i commissari, non può subire modifiche.
La dirigenza del Marrelli Hospital ha dichiarato di essere amareggiata dall’esito dell’incontro, durante il quale hanno riferito che sono stati usati toni piuttosto pesanti.
“La cosa che più ci amareggia – ha dichiarato Antonella Stasi – è che non c’è stato neanche il tentativo di proporre un’altra soluzione, perché ormai il decreto c’è. Abbiamo riscontrato una totale chiusura da parte di Scura”.
Intanto domani si terrà una riunione all’Asp per mettere su carta una proposta avanzata da Fatarella, che si è mostrato disponibile a trovare una soluzione alternativa.

Ultima modifica: 7 maggio 2017

In questo articolo