Medico Asp apre studio odontoiatrico privato in ‘nero’

Un medico dell’Asp di Catanzaro è stato denunciato per truffa aggravata dalla Guardia di finanza di Lamezia Terme. Secondo l’accusa, pur essendo dipendente con “patto di esclusività”, aveva avviato, senza dichiararlo al fisco in un immobile di sua proprietà, uno studio odontoiatrico dove prestava attività privata impiegando anche una segretaria in “nero”. L’immobile e le attrezzature, per un valore di 500 mila euro, sono stati sequestrati. Secondo i finanzieri, dal 2007 il professionista avrebbe percepito indebitamente 210 mila euro. Il gip, su richiesta del pm, ha disposto il sequestro di beni per 170 mila euro (per alcune annualità è scattata la prescrizione) che ha riguardato una quota di un altro appartamento.

Ultima modifica: 10 maggio 2017