Tabellone luminoso stadio, il sindaco firma per far giocare Crotone-Genoa

Tabellone luminoso stadio Ezio Scida Crotone

E’ servita la firma del sindaco di Crotone, Ugo Pugliese, per superare una serie di problemi di natura burocratica legati al tabellone luminoso dello stadio Ezio Scida e permettere l’autorizzazione per domenica allo svolgimento della gara Crotone – Genoa.

Il primo cittadino, infatti, al termine di una lunga mattinata apertasi in Prefettura e conclusasi presso gli uffici comunali, ha firmato l’assunzione di responsabilità per l’autorizzazione all’utilizzo dell’impianto da parte della società F.C. Crotone. Il problema è nato in seguito all’installazione del tabellone luminoso sulla curva Nord (lavoro a cura della società sportiva) per il quale mancavano alcuni adempimenti burocratici.

Stadio Ezio Scida Crotone
Stadio Ezio Scida Crotone

La faccenda è emersa nel corso della riunione della Commissione Pubblici Spettacoli riunita per valutare alcune prescrizioni relative a lavori di completamento dello stadio, tra cui la copertura della Tribuna effettuata dalla società ed altri interventi a carico del Comune di Crotone. Alla riunione ha partecipato l’assessore allo Sport Giuseppe Frisenda. Nel corso dell’incontro sono emerse ulteriori problematiche per altri piccoli interventi che necessitano di ulteriori formalità di natura burocratica e tecnica.

Così, per evitare il mancato svolgimento della partita nello stadio di casa, il sindaco, sentito il prefetto ha firmato, ancora una volta, l’autorizzazione all’utilizzo da parte della società dello Stadio. Contemporaneamente è stata inibita agli spettatori la zona della curva Nord che si trova sotto il tabellone.
Nel corso dell’incontro che il sindaco Pugliese, insieme all’assessore Giuseppe Frisenda, ha avuto in Prefettura si è chiesto alla società di accelerare il percorso relativo al completamento delle formalità relative al tabellone luminoso al fine di consentire alla Commissione Pubblici Spettacoli di completare l’iter autorizzativo dello stadio.

Ultima modifica: 18 novembre 2017

In questo articolo