Puliverde
Strongoli, tre nomi per il candidato sindaco del Pd

STRONGOLI - Il dibattito e le polemiche nate all’interno del nascente Partito democratico stanno rendendo davvero difficile fare previsioni sulle candidature a sindaco e le possibili alleanze. Di certo c’è che tra sabato 23 e domenica 24 febbraio si metterà fine alla querelle interna al Pd visto che il coordinamento provinciale ha convocato l’assemblea costitutiva del circolo. Assemblea dalla quale dovrà uscire il gruppo dirigente che si metterà al lavoro per scegliere le candidature e le possibili alleanze.
Proprio su quest’ultimo campo pare che l’opera svolta finora dai vari componenti del Pd sia a buon punto per la costituzione di un centrosinistra che comprenda anche la Sinistra Arcobaleno e gli ormai ex Udeur di Costantino. La posizione del consigliere provinciale, infatti, è abbastanza chiara: ha lasciato l’Udeur e pare sia intenzionato a costituire l’Idv anche se, alla luce dell’accordo nazionale tra Veltroni e Di Pietro, Costantino si è detto disponibile a entrare direttamente nel Pd senza ulteriori passaggi.
Con Luigi Costantino arriviamo a parlare di candidatura a sindaco nel centrosinistra. In effetti la difficoltà è data dal fatto che i papabili candidati sindaco sono davvero tanti. Nel caso Costantino entrasse nel Pd, i vertici del nuovo partito si troverebbero a fare una scelta fra tre nomi: quelli di Costantino, Eugenia Perri e Eugenia Garritani.
Inoltre, sempre nel Pd si sta lavorando per ricomporre l’unità con i “Democratici per Strongoli”, la parte che si riconosce nell’area Bindi guidata da Antonio Bompignano e Amedeo Codispoti. Intanto, e potrebbe essere già un primo passo, da questa area del Pd è giunta la smentita di accordi per sostenere la candidatura Arrighi a sindaco.
Candidatura quella dell’ex sindaco che, invece, è sostenuta, come ha svelato il rappresentante dell’Udc Francesco Fiorita, da quello che dovrebbe essere il Partito delle libertà di Strongoli e che fino a poco tempo prima aveva appoggiato la candidatura alla poltrona di primo cittadino del consigliere provinciale di An Dionisio Gallo. Un cambio di rotta davvero difficile da capire a meno che non sia una tattica politica per nascondere altre sorprese.
Comunque fino al 15 marzo, quando si dovranno presentare le liste per le Amministrative, potrebbe cambiare ancora molto in entrambi gli schieramenti e nelle alleanze.

1900-01-01 00:00:00