Gallinella o coccio di mare alla positanese “acqua pazza”

Print Recipe
Gallinella o coccio di mare alla positanese “acqua pazza”
Ricetta dello Chef Giovanni Pompei Forte
Cucina Italian
Tempo di preparazione 20 minuti
Tempo di cottura 40 minuti
Porzioni
4 persone
Cucina Italian
Tempo di preparazione 20 minuti
Tempo di cottura 40 minuti
Porzioni
4 persone
Istruzioni
  1. Ricavate dei filetti di pesce e asciugatelo con carta assorbente da cucina, recuperate la testa e tutto il resto del pesce che avete pulito eccetto le interiora e mettetelo a bollire con poca acqua.
  2. In una padella oliata con olio d’oliva unite l’aglio sbucciato e il peperoncino spezzettato e lasciatelo rosolare aggiungete i pomodorini spezzettati e il vino bianco e lasciate evaporare, aggiungete il brodo di pesce filtrato e fate bollire.
  3. Quando il condimento comincia a restringersi unite i filetti di pesce e lasciateli cuocere per 20 minuti girandoli con garbo ogni 10. Cospargete di prezzemolo tritato e servite in una scodella di coccio guarnito di pane casereccio grigliato.
  4. Vini consigliati: Irpinia Bianco – Orvieto Bianco
Recipe Notes

Giovanni Pompei Forte
Nel 1974 gli è stato assegnato l'Oscar della cucina italiana. Ma non è stato l'unico riconoscimento. Il suo “Girarrosto” a Crotone ha fatto storia (dal 1959 al 1979) come paninoteca su via Vittorio Veneto e ristorante nella traversa. Un ristorante frequentato da gente illustre, politici e uomini e donne dello spettacolo (Vittorio Gassman, Catherine Spaak, Pier Paolo Pasolini) nonché dalle squadre di calcio che venivano in città a giocare con l'Unione sportiva Crotone. La cucina di Giovanni Pompei Forte, mitico imprenditore della ristorazione, era gettonata anche dai giornalisti enogastronomici. Riportiamo alcuni piatti tratti da una copia particolare del suo libro “I miei ricordi, le mie ricette”, che Forte donò nel 2011 al fondatore e direttore per oltre trent'anni anni de “il Crotonese”: Domenico “Michele” Napolitano. Sono ricette calabresi, di una cucina dalle note piccanti e robuste, scrive Forte nel libro. Una cucina di sapori forti e di specialità dal gusto intenso e pungente.

Ultima modifica: 30 ottobre 2017

In questo articolo

Partecipa alla conversazione

Partecipa alla conversazione