Roma-Crotone, Nicola ci crede: “Attenzione, sacrificio e adattabilità”

Davide Nicola allenatore del Crotone applaudito allo stadio di Bologna

CROTONE – Davide Nicola ha archiviato la batosta di Marassai contro la Samp. Nella sua testa c’è solo la Roma, altro impegno da brividi che i rossoblù sosterranno domani sera all’Olimpico. Il tecnico è però ottimista, pur riconoscendo le enomri potenzialità dei prossimi avversari

“E’ un avversario tosto e la seconda partita in tre giorni. Noi lavoriamo per diventare squadra: attenzione, sacrificio e adattabilità sono le nostre tre parole fondamentali. Ci vuole attenzione per come si interpretano le partite. Ci vuole sacrificio per non mettere solo attenzione ma per sopperire alla mancanza di alternative, facendolo con entusiasmo e scoprendo nuove risorse. Affrontiamo squadre con diversi valori e strategie e per questo dobbiamo usare la nostra adattabilità per sfidare squadre più qualitative o per sfruttare i momenti dove riesci a schiacciare l’avversario in campo”.

Nicola ripercorre per un attimo la sconfitta di Genova ma vuole un cambiamento radicale.: “Anche l’ultima con la Samp abbiamo dato tutto ma nei primi venti minuti abbiamo dovuto cambiare strategia perché eravamo sotto due a zero. Vogliamo tenere le partite vive il più a lungo possibile sfruttando poi quel che costruiamo. Mai mollare, però, mai:proviamo migliaia di volte prima di raggiungere il risultato che ci interessa e dovrà valere contro la Roma che ha potenziale enorme. Ora, con alcune defezioni, tutti dovranno sfruttare le occasioni. Ora contiamo su tutti tranne uno-due che avranno però spazio, sta al gruppo lavorare nella direzione che ci faccia completare questo percorso e far contare su tutti”.

Ultima modifica: 25 ottobre 2017

In questo articolo