Sbarco a Crotone, tra i migranti una bambina di 5 giorni orfana della mamma

sbarco migranti a Crotone

sbarco migranti a CrotoneE’ iniziato intorno alle 16.30 lo sbarco degli 861 migranti giunti nel porto di Crotone a bordo della nave di Medici Senza Frontiere “Vos Prudence”. Si tratta di migranti soccorsi domenica scorsa in tre interventi diversi nelle acque internazionali al largo della Libia. A Crotone sono sbarcati 805 uomini e 56 donne, un centinaio i minori non accompagnati che resteranno nel territorio crotonese. Tra i migranti anche una bambina nigeriana di appena cinque giorni, che si chiama Ibe, nata su una spiaggia in Libia prima della partenza. Proprio per le difficili condizioni in cui la piccola è nata, la mamma è morta per una emorragia. La bambina, soccorsa con un’ambulanza speciale del reparto di neonatologia dell’ospedale di Crotone, è stata accompagnata nel viaggio dal padre e da una donna che si è presa cura di lei dalla nascita.  La piccola sta bene ed è nel reparto di neonatologia dell’ospedale di Crotone.
Dopo le operazioni di identificazione i migranti saranno trasferiti in diverse regioni del territorio nazionale, secondo il piano di riparto che era stato stabilito dal Ministero dell’Interno prima dello sbarco: Lazio 100 (ad esclusione di Rieti); Puglia 100; Calabria 100; Piemonte 75; Veneto 75; Emilia Romagna 75; Toscana 75; Lombardia 50; Campania 50; Liguria 50; Molise 25; Abruzzo 25.

Le persone a bordo provengono da diversi paesi, quali ad esempio Siria, Libia, Pakistan, Nigeria, Somalia, Eritrea, Mali, Sudan, Guinea e Repubblica Centroafricana, da dove sono scappati da guerra, conflitto e povertà estrema.Alle operazioni di sbarco hanno partecipato i rappresentanti di Questura, Guardia di Finanza, Carabinieri, Vigili del Fuoco, Capitaneria di Porto, Autorità Portuale, Servizi Sociali del Comune di Crotone, Asp – Suem 118, Misericordia e Croce Rossa Italiana.

Ultima modifica: 12 maggio 2017

In questo articolo

Partecipa alla conversazione

Partecipa alla conversazione