‘Sentieri in rosa’, Bianchi: questo è il teatro ‘che abbatte i muri’

'sentieri in rosa'-teatro-sordi-politeama

CATANZARO – Per il sottosegretario al Turismo ed ai Beni culturali siamo di fronte ad “una norma di civiltà”. Il riferimento è alla legge in itinere sul riconoscimento della lingua dei segni che ha avuto pochi giorni fa il primo via libero del Parlamento. L’onorevole Dorina Bianchi, deputato di Alternativa popolare, ne ha parlato sabato sera a margine di ‘Sentieri in rosa’, lo spettacolo teatrale con attori sordi e udenti in scena al Politeama di Catanzaro.

“L’arte non alza i muri, anzi contribuisce a sgretolarli, ed è uno strumento di integrazione e promozione culturale, e questo spettacolo ne è la dimostrazione”, ha aggiunto il sottosegretario, ricordando che “la legge approvata a palazzo Madama riguarda quasi un milione di persone sorde e le loro famiglie. L’obiettivo che vogliamo continuare a perseguire è quello di allargare le opportunità e abbattere le barriere dell’incomunicabilità”.

Ultima modifica: 8 ottobre 2017

In questo articolo