Velocità di connessione, Italia lumaca al 58° posto



In Italia la velocità di connessione internet cresce lentamente, lasciando il Paese nella parte bassa della classifica europea e mondiale. A dirlo è il “Rapporto sullo stato di internet” elaborato da Akamai e relativo al quarto trimestre 2016. Dall’indagine emerge che in Italia la velocità media di connessione è pari a 8,7 Megabit al secondo (Mbps). Il dato segna un incremento rispetto agli 8,2 Mbps del trimestre precedente, ma porta il Paese a scendere ancora nella classifica mondiale posizionandosi 58/o, e rimanendo 28/o in Emea (Europa, Medio Oriente e Africa). In Europa 27 dei 31 paesi esaminati hanno una velocità media superiore ai 10 Mbps, con la Norvegia che mantiene il primo posto grazie ai suoi 23,6 Mbps. L’Italia, fanalino di coda, continua a precedere solo Croazia, Grecia e Cipro.

Il Belpaese non fa molti progressi nemmeno sul fronte della banda larga. Solo il 78% delle connessioni sono sopra i 4 Mbps, un dato che vale la 28/a posizione in Emea e la 63/a a livello mondiale. La percentuale è addirittura in calo: -1,8% sul trinternetimestre precedente e -0,7% rispetto al pari periodo del 2015. Non va meglio sul fronte delle connessioni più performanti. In Italia solo il 23% supera i 10Mbps, rispetto, ad esempio, al 73% della svizzera e al 69% della Romania. Per le connessioni sopra i 15 Mbps, il Paese si ferma al 10% contro il 30% della media Emea, dove la Penisola si piazza al 29/o posto, mentre nella classifica mondiale scende dal 51/o al 54/o. Sul fronte delle connessioni mobili, l’Italia mostra una media di 11,2 Mbps. La più elevata al mondo resta quella del Regno Unito con 26,8 Mbps.

Ultima modifica: 7 maggio 2017