/ Cronaca

Cronaca | 30 aprile 2022, 14:19

Politiche sociali, l'Ambito territoriale di Crotone punta sui progetti di pronto interventi

Politiche sociali, l'Ambito territoriale di Crotone punta sui progetti di pronto interventi

Presentato un progetto di pronto intervento sociale a valere sui fondi comunitari. Lo rende noto il Comune di Crotone, capofila dell'omonimo Ambito territoriale sociale.

Il servizio sarà strutturato su tre livelli: una unità di coordinamento per gli aspetti amministrativi, di gestione e controllo del servizio; una centrale operativa telefonica per l'accesso immediato al servizio da parte di utenti, forze di polizia e personale dell'area sociosanitaria e giudiziaria; un nucleo prettamente operativo con strumenti e kit di emergenza sia estivi che invernali strettamente collegati agli interventi e una dotazione finanziaria per reperire le strutture idonee all'accoglienza degli utenti soccorsi.

La Conferenza dei sindaci dell'Ambito territoriale "ha deciso di concentrarsi sui servizi di Pronto intervento sociale al fine di integrarli ad altre tipologie di interventi già strutturati all'interno dell'ambito e di quelli programmati sul Pnrr Missione 5 Inclusione Sociale" spiega una nota del Comune. Il finanziamento, 197mila euro per dodici mesi di attività, è stato chiesto nell'ambito dell'avviso pubblico sui progetti d'intervento sociale (PrInS) a valere sulle risorse React-Eu.

"Stiamo facendo tutti insieme un grande lavoro di analisi, sintesi e coordinamento tra i diversi finanziamenti per dare ai nostri cittadini servizi che sappiano rispondere ai bisogni complessi di cui sono portatori" commenta l'assessore alle politiche sociali, Filly Pollinzi. "Ringrazio personalmente i sindaci e i commissari dei comuni per la costante presenza e condivisione, i funzionari nonché il dirigente responsabile dell'ufficio di Piano che ci consentono di tradurre gli indirizzi politici in azioni concrete".

Oltre a quello di Crotone, fanno parte dell'Ambito territoriale sociale: Belvedere Spinello, Cutro, Isola Capo Rizzuto, Rocca di Neto, San Mauro Marchesato e Scandale. "Ora - aggiunge Pollinzi - attendiamo l'approvazione del progetto per l'avvio delle procedure che consentiranno l'affidamento dei servizi”.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Abbonati