/ Regione & oltre

Regione & oltre | 23 maggio 2022, 15:21

Falcone, Li Gotti: grande conoscitore della mafia, la magistratura gli voltò le spalle

Luigi Li Gotti

Luigi Li Gotti

"Giovanni Falcone era un grande conoscitore del fenomeno mafioso perché, sia pure da un’angolazione opposta, era anche lui impregnato di quella capacità per capire la loro mentalità. Falcone era il vero nemico della mafia, non era soltanto un giudice, era colui che capiva i silenzi, le pause, gli sguardi". Così all’AdnKronos, a 30 anni dalla strage di Capaci, l’avvocato Luigi Li Gotti, storico difensore dei pentiti di Cosa nostra, da Tommaso Buscetta a Gaspare Mutolo fino a Giovanni Brusca.

"Falcone - rammenta il legale originario di Crotone - ha avuto moltissimi nemici e moltissimi avversari, tanto è vero che, quando si trattò di nominarlo capo dell’Ufficio istruzione a Palermo, fu bocciato dal Csm, che mandò un magistrato che non aveva nessuna esperienza. La nomina di Falcone era naturale, e invece il Csm lo tradì".

"Il principale nemico di Falcone - sottolinea Li Gotti - è stata la magistratura, almeno una parte della magistratura fu sua nemica, fu quella che gli voltò le spalle. E poi ci furono dei nemici anche nelle istituzioni, pure nelle istituzioni di polizia, ma queste erano inimicizie che nascevano dal temere Falcone per le sue indagini".

Ma "tutto il ‘sistema’ oggi dovrebbe chiedere scusa a Falcone - sostiene il legale - la lotta alla mafia, infatti, è una scoperta di pochi decenni fa. Prima la lotta alla mafia era assolutamente ignorata. Prima la lotta alla mafia era assolutamente ignorata. E con il Maxiprocesso voluto da Falcone che c’è stato un cambiamento. Vennero arrestati e condannati i capi della mafia".  

 

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Abbonati