/ Sport

Sport | 21 giugno 2022, 09:02

Migranti, Ulivieri: il calcio insegna ai giocatori l'accoglienza, a fare squadra

Migranti, Ulivieri: il calcio insegna ai giocatori l'accoglienza, a fare squadra

CATANZARO - "Nel calcio di base è di attualità l'accoglienza, il mischiare diverse culture e provenienze". Lo ha detto Renzo Ulivieri, presidente dell'Associazione italiana allenatori calcio, a Lamezia Terme, in occasione di un'iniziativa promossa nell'ambito della Giornata mondiale del rifugiato. "In questo nostro Paese - ha aggiunto Ulivieri - la politica ha fatto l'errore di affrontare questo tema in modo non umano perché se siamo umani la strada è solo quella dell'accoglienza. Lo sport di base, invece, insegna ai giocatori ad essere squadra. Fare del bene è interesse comune".

Lo sport, ed in questo caso il calcio, inteso dunque come strumento per la socializzazione ma anche per l'integrazione. Nel corso dell'incontro è stato sottolineato, ad esempio, quanto avvenuto per alcuni ragazzi che ora giocano in Germania, dove si sono ricongiunti alle famiglie. "Tutto ciò sfruttando - hanno spiegato i responsabili della mediazione tra rifugiati e società dilettantistiche locali - il primo tesseramento avuto a Lamezia", o come avvenuto per i figli di "esponenti della criminalità organizzata, cui è stato confiscato il bene in cui hanno sede le nostre attività, trovati a giocare insieme ai nostri ragazzi, perché il calcio supera certi steccati". 

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Abbonati