/ Cultura e spettacoli

Cultura e spettacoli | 28 giugno 2022, 12:00

Dalla commedia all'horror, il compositore crotonese Franco Eco firma pellicole di qualità

Dalla commedia all'horror, il compositore crotonese Franco Eco firma pellicole di qualità

Il compositore e produttore discografico crotonese Franco Eco continua a distinguersi apponendo la sua firma su pellicole cinematografiche di qualità. Sono sue le musiche della commedia “E buonanotte” per la regia di Massimo Cappelli, ispirata al libro “E buonanotte. Storia del ragazzo senza sonno” di Daniele Doesn’t Matter, uscita al cinema ad aprile scorso e ora, per tutta l’estate, in programmazione su Sky Prima Fila con attori come Giorgia Wurth, Pino Quartullo e Roberta Giarrusso, ma anche del thriller psicologico “Tenebra” di Antonello De Leo, nelle sale cinematografiche italiane da giovedì 30 giugno, con protagonista la giovanissima attrice Elisa Del Genio, nota per il ruolo di Lenù nella serie “L’Amica geniale”.

Dalla commedia all'horror, l'artista crotonese è un fiume in piena. "Bisogna cogliere la comune tradizione musicale dei due generi cinematografici che hanno la propria vita nel paesaggio sonoro" dice. "In particolare l’immaginifico dell’horror cinematografico ci riconduce a scelte musicali ben precise per coglierne gli aspetti usuali, come un pianoforte scordato, un canto di bambina, melodie ossessive a gradi congiunti. Tutti elementi che, come direbbe il filosofo Adorno, rendono la musica 'precisa', ovvero giusta per quella specifica emozione".

E le emozioni che Franco Eco trasmette sono veramente tante. Proprio in questi giorni è arrivato in radio e nei digital store “Ehi sai cosa c’è”, il nuovo singolo di Erik da lui prodotto e inserito nella colonna sonora della commedia “E buonanotte” che narra una giovinezza vissuta alla massima potenza, contrapposta all’adolescenza della protagonista della favola nera “Tenebra”, segnata da violenza e soprusi.

Accompagnare musicalmente tematiche così attuali quanto distanti tra loro è una questione di tecnica, frutto di anni di studio e approfondimento, ma anche di grande passione. "Quando incontro gli studenti consiglio di imparare, ma poi dimenticare per potersi lasciare stupire da ciò che li circonda, riuscendo ad elaborare il mondo nella forma che ognuno di loro preferisce: medicina, ingegneria, politica, fisica, poesia, teatro, musica" conclude Eco.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Abbonati