/ Cultura e spettacoli

Cultura e spettacoli | 14 agosto 2022, 11:20

La luce delle cose, il nuovo romanzo di Mangano sarà presentato il 17 a Mesoraca

Sequel del fortunato romanzo Un Respiro in più che narra le vicende dell’avvocato perugino Riccardo Bove e del sostituto procuratore Nadia Magistrelli

La luce delle cose, il nuovo romanzo di Mangano sarà presentato il 17 a Mesoraca

MESORACA - Sarà presentato mercoledì 17 agosto alle ore 18.30 nella Villa San Nicola di Mesoraca il nuovo romanzo di Franco Mangano, scrittore mesorachese che vive in Umbria. 

A distanza di un anno da Un Respiro in più, è uscito per i tipi di Morlacchi Editore La luce delle cose, sequel del fortunato romanzo di Mangano, che narra le vicende dell’avvocato perugino Riccardo Bove e del sostituto procuratore Nadia Magistrelli, protagonisti di una nuova avventura ricca di suspense, azione e vicende sentimentali.

La presentazione del romanzo a Mesoraca avviene nell’ambito degli eventi organizzati dall’Amministrazione Comunale per l’estate 2022. Previsto l'intervento del sindaco di Mesoraca, Annibale Parise e l'introduzione dell'assessore alla cultura, Eloisa Tesoriere. Lo scrittore Franco Mangano verrà intervistato dal direttore de il Crotonese, Giuseppe Pipita.

Francesco Mangano, avvocato di origini mesorachesi da anni residente a Perugia, ha orchestrato il nuovo legal trhiller come un gioco di scatole cinesi in cui la verità sfugge ogni volta che appare a portata di mano. Alle prese con una convivenza problematica, la nuova coppia del giallo italiano è coinvolta in un’indagine apparentemente scontata: Lorenzo, giovane ragazzo con problemi di controllo della personalità accusato di molestare una coetanea, è rimasto intrappolato in un capanno mentre tentava di sfuggire ad una spedizione punitiva organizzata dai fratelli della minore. Per costringerlo ad uscire dal rifugio, qualcuno ha appiccato un incendio e il ragazzo è morto.

Nadia Magistrelli intende scoprire i colpevoli nascosti nella piccola comunità di Pontecarro, alle porte di Perugia. Anche Riccardo sta affrontando un caso scottante, legato ad una banda di spacciatori che adesca ragazzine e le costringe ad avere rapporti sessuali nei pressi di un Centro Commerciale. La figlia quindicenne di una vecchia amica dell’avvocato è finita in questo giro di balordi, guidati da un Boss cinico e spietato, che Riccardo è riuscito a fare arrestare.

Le indagini si intrecciano e il rapporto tra i due protagonisti viene messo a dura prova, anche per la comparsa di vecchi fantasmi che sembravano ormai dimenticati. L’indagine svela un triste e inquietante repertorio di miseria umana, innocenza perduta e avidità inconfessabile, con colpi di scena che si susseguono sino all’ultima pagina. Tra vecchie e nuove minacce, la ricerca della verità sarà una corsa ad ostacoli, fino alla prova estrema che imporrà a Riccardo e Nadia di pesare come mai prima le loro scelte ed i reciproci sentimenti.

Mentre il primo romanzo era ambientato nel centro di Perugia, l’azione stavolta si sposta in periferia, nelle realtà dei borghi e dei centri commerciali, dove si muovono minori che diventano vittime e carnefici della loro giovane esistenza. Il romanzo ha già suscitato la curiosità dei lettori, interessati a scoprire la soluzione del rompicapo e ormai affezionati a questa coppia di cui l’autore esplora pregi e limiti in una originale descrizione della loro quotidianità.

.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Abbonati