/ Cronaca

Cronaca | 15 settembre 2022, 09:27

Discariche di ingombranti nelle periferie di Crotone, urge intervento di pulizia

La sollecitazione del consigliere Enrico Pedace all'amministrazione e ad Akrea: rifiuti nei canali di scolo, evitare situazioni pericolose con l'avvicinarsi del periodo delle piogge

Discariche di ingombranti nelle periferie di Crotone, urge intervento di pulizia

CROTONE - Siamo destinati all'estinzione per via dei comportamenti che quotidianamente teniamo non aiutati certo dagli enti che dovrebbero essere preposti al controllo ed alla prevenzione dei crimini. Perché di crimine si tratta quando si abbandonano rifiuti di ogni tipo nell'ambiente. E' quello che accade spudoratamente alla periferia di Crotone, sia a Sud che a nord della città che fu la capitale della Magna Grecia: una eredità che molti cittadini continuano ad offendere.

Le foto riguardano una serie di discariche dove sono stati ammassati ingombranti da spregiudicati cittadini. Discariche che, nonostante le segnalazioni (in alcuni casi a Margherita ci furono anche dei sequestri di polizia giudiziaria) non sono mai state rimosse. In questo modo, restando lì ingombranti e rifiuti vari, si è data giustificazione ai criminali ambientali di continuare a alimentare le discariche. 

Sulla vicenda è tornato nei giorni scorsi il consigliere comunale del gruppo Consenso, Enrico Pedace, che ha sollecitato un intervento risolutivo scrivendo al Sindaco di Crotone e per conoscenza al vicesindaco, agli assessori al decoro urbano e lavori pubblici, al presidente Akrea ed ai dirigenti di settore del Comune. 

"Mi rammarica,  dopo molto tempo riportare  alla vostra attenzione un problema alquanto urgente che riguarda la rimozione di ingombranti in alcune zone, fermi lì ammassati dal 2020/2021, parlo di Via Cirò Marina, via Cotronei, ed ancora in via delle Orchidee dove gli ingombranti ostruiscono i  canaloni di scolo" scrive Pedace che motiva la sua richiesta con il pericolo alluvionale: "Visto l'avvicinarsi della stagione invernale diffido ognuno per le proprie competenze  ad  intervenire urgentemente onde evitare ulteriori danni a persone e cose".

 

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Abbonati