/ Regione & oltre

Regione & oltre | 02 ottobre 2022, 16:21

Pnrr, reti irrigue, Calabria regina del Sud, 21,9 milioni solo al consorzio Ionio crotonese

Pnrr, reti irrigue, Calabria regina del Sud, 21,9 milioni solo al consorzio Ionio crotonese

"Ottenuti i finanziamenti, bisognerà ora garantire efficienza ed efficacia della spesa”. Così l'assessore regionale all'Agricoltura all'indomani della firma del decreto ministeriale che ha ammesso a finanziamento i progetti d'investimento nelle infrastrutture irrigue con il piano nazionale di ripresa e resilienza. Gianluca Gallo rimarca in una nota il ruolo da leone della Calabria con tredici progetti approvati per un controvalore pari a 139 milioni di euro, il 27% della quota riservata alla regioni dell'area Sud, 217 milioni a fronte di finanziamenti per complessivi 517 milioni in tutto il Paese.

Il decreto è stato firmato venerdì 30 settembre dal direttore generale dello Sviluppo rurale del ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali. I progetti sono stati presentati dai consorzi di bonifica. Tra le tredici richieste d'investimento partite dalla Calabria ed ammesse a finanziamento c'è anche quella del consorzio di bonifica Ionio crotonese, per un importo complessivo di 20.900.000 euro, cifra destinata alla messa in sicurezza ed all'adeguamento normativo delle condotte in cemento/amianto dell'impianto irriguo consortile dell'altopiano di Isola di Capo Rizzuto.

“Un risultato che se da un lato premia l’ottimo lavoro svolto dall’Anbi Calabria e dalle singole realtà consortili in sinergia col dipartimento Agricoltura, dall’altro carica di ulteriori responsabilità tutti i soggetti interessati” aggiunge l'assessore Gallo, ricordando la volontà, già condivisa con l’Associazione nazionale bonifiche, irrigazioni e migliorie fondiarie, "di affidare la gestione delle fasi di gara alla Stazione unica appaltante e di seguire, in ogni caso, i singoli passaggi delle procedure necessarie attraverso una costante collaborazione tra Anbi, consorzi e Regione".

I fondi del Pnnr serviranno all’efficientamento ed alla modernizzazione delle reti irrigue, in molti casi risalenti nel tempo e carenti di idonea manutenzione. Il tutto, ad esempio, attraverso la sostituzione delle condotte, l’installazione di misuratori di portata, l’introduzione degli idranti a scheda. “Interventi essenziali per confermare, insieme ad un ormai improcrastinabile processo di riforma - conclude Gallo - la strategicità del settore consortile all’interno del comparto agricolo ed agroalimentare calabrese pure nell'ottica di tutela dell’ambiente, con la riduzione degli sprechi ed un utilizzo più consapevole dell’acqua”.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Abbonati