/ Sport

Sport | 30 novembre 2022, 19:55

Serie C, solo un pareggio per il Crotone contro il Taranto. E si allunga la distanza dalla vetta

Serie C, solo un pareggio per il Crotone contro il Taranto. E si allunga la distanza dalla vetta

Soltanto un pareggio da Taranto e progetto primo posto che si fa sempre più complicato. Il Crotone fatica, soffre, lotta ma trova solo un 2-2 nella sfida dello Jacovone, che evidenzia ancora di più il solco che lo separa dal primo posto. Perchè mentre il Catanzaro continua la sua fuga senza ostacoli, il Crotone annaspa pur con numeri importanti a tenere il passo. Ed ecco che un pareggio esterno rappresenta una mezza sconfitta, nonostante l'attenuante di un terreno di gioco che ha complicato i piani dei rossoblù

Lerda perde Gomez per una dissenteria, al suo posto c’è Tumminello. L’allenatore schiera dall’inizio Carraro, che si accomoda in cabina di regia con Petriccione che si sposta più a sinistra e Tribuzzi che parte dalla panchina. Tutto confermato il resto dello schieramento.

L’avvio di gara è subito in salita per i rossoblù, piegati dalla rete di testa di Antonini che svetta più in alto di tutti sugli sviluppi di un corner e batte Dini. Crotone costretto ad inseguire e dopo un piccolo sbandamento rialza la testa e comincia a produrre situazioni favorevoli che però non capitalizza. La prima è il tap in di Mogos che da due passi non contiene la palla arpionata da Cuomo e spedisce tra le braccia del portiere pugliese. Clamoroso il palo che colpisce invece Chiricò qualche minuto dopo, ma lo stesso esterno pugliese è ancora protagonista con il suo magico sinistro trovando l’angolo giusto per rimettere in parità il match. Rete numero 8 per Chiricò e Crotone che mantiene il comando delle operazioni, anche se lasciando qualche varco di troppo alle incursioni del Taranto, sempre pronto a fiondarsi nello spazio e creare grattacapi dalle parti di Dini, che in un paio di situazioni se la cava ma nulla può nel finale di tempo quando un’altra velenosa ripartenza porta il Taranto nell’area rossoblù con un’altra elevazione aerea, stavolta di Tommasini, che si conclude con il colpo letale dell’attaccante che stacca indisturbato tra Golemic e Cuomo che lo lasciano colpevolmente libero di colpire nel cuore dell’area. Rossoblù ancora costretti ad inseguire e negli spogliatoi col morale sotto i tacchi.

Ma il secondo tempo si apre con la pronta reazione del Crotone che rimette il match in parità con l’irruzione vincente in area di Mogos che raccoglie un invito di Calapai e fa centro per la seconda partita consecutiva dopo quella di domenica contro il Latina. Il forcing del Crotone si fa incessante anche se disordinato, complice anche le condizioni del campo ridotto ai limiti della praticabilità per la pioggia caduta su Taranto per tutta la giornata. Lerda immette forze fresche per ridare slancio e linfa per l’assalto decisivo. C’è spazio contemporaneamente per Pannitteri, Bernardotto e Tribuzzi, che rilevano Kargbo, Tumminello e Awua. La spinta è costante, ma il palleggio è evidentemente condizionato dal terreno di gioco e servirebbe un lampo per risolvere un match divenuto una battaglia nel fango. Il Crotone prova l'assedio ma si consegna alle ripartenze del Taranto e su una di queste rischia il capitombolo ma il salvataggio sulla linea di Golemic evita il peggio. Finisce con un pareggio che serve a poco visto anche il successo del Catanzaro, vittorioso in scioltezza col Giugliano e ora a +6. 

TARANTO 2
CROTONE 2

MARCATORI: 6’pt Antonini (T), 22’pt Chiricò (C), 48’pt Tommasini (T), 9’st Mogos (C)

TARANTO: Vannucchi; Formiconi, Antonini, Manetta; Mastromonaco, Mazza (6’st Romano), Labriola, Diaby (18’pt Vona), Ferrara; Tommasini (36’st La Monica), Guida. A disp. : Loliva, Caputo, Granata, Evangelisti, Maiorino, Sakoa, Marini. All. Volini (Capuano squalificato)
CROTONE: Dini; Calapai (30’st Crialese), Golemic, Cuomo, Mogos; Petriccione, Carraro (44’st Rojas), Awua (6’st Tribuzzi); Chiricò, Tumminello (6’st Bernardotto), Kargbo (6’st Pannitteri). A disp. : Branduani, Gattuso, Bove, Papin, Giron, Vitale, Panico. All. Lerda
Arbitro: Nicolini di Brescia
Ammoniti: Ferrara (T), Formiconi (T), Petriccione (C), Vona (T), Manetta (T), Tribuzzi (C), Vannucchi (T)

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Abbonati