/ Sport

Sport | 03 dicembre 2023, 22:40

Serie C, il Crotone passa a Brindisi con Vuthaj e Spaltro e raggiunge otto risultati utili di fila

Serie C, il Crotone passa a Brindisi con Vuthaj e Spaltro e raggiunge otto risultati utili di fila

Quella sufficiente dose di cinismo, quanto basta per imbustare la pratica Brindisi e prolungare a 8 la striscia di esibizioni con il sorriso. Cinque di queste con il lieto fine assoluto, come quella confezionata in Puglia, performance tra le più insidiose del lotto complici le assenze e le incognite legate alla precaria situazione vissuta ai confini salentini. La personalità del Crotone ha però oltrepassato l’ostacolo, anche in sufficiente scioltezza, griffando il saccheggio con Vuthaj e Spaltro, bomber di razza e ‘occasionali’, a conferma anche della varietà di soluzioni a disposizione di Zauli, nonostante, appunto, le tante defezioni. Segno di una maturità e certezze ormai consolidate, che hanno spinto i rossoblù a quota 28 con otto risultati utili consecutivi. Niente male per chi 45 giorni fa viveva giorni surreali con il licenziamento di Zauli rientrato per la presa di posizione del gruppo, che da quel momento in poi ha virato verso nuovi orizzonti. Senza incantare, sia chiaro, ma avviando una nuova strada, fatta di regolarità e convinzione. Con effetti visibili sulla classifica.

La lista di indisponibili è piuttosto ingente, e arriva al culmine di un trittico ravvicinato che obbliga Zauli a forzare alcune soluzioni, soprattutto in un settore difensivo decimato dalle defezioni. Tra squalifiche (Leo, Tribuzzi e Tumminello) e infortunati (Vitale, Gigliotti, Bove e D’Errico) la contabilità degli out è lunga, ma l’allenatore rossoblù riesce comunque a distendere sul campo una formazione adeguata all’evento. In difesa c’è Crialese a comporre il terzetto con Papini sul centrodestra e Loiacono al centro. In mezzo al campo ci sono Petriccione e D’Ursi interni con Vinicius a fare legna, e Bruzzaniti con Giron ad operare sugli esterni. Davanti è Vuthaj ad occupare le zolle solitamente calpestate da Tumminello.

Dai blocchi di partenza sbucano due squadre che espongono ritmo e intensità al di sotto delle aspettative. I rossoblù provano a prendere le misure e comprendere le intenzioni degli avversari, impiegando qualche minuto prima di aumentare i giri del motore. E presto arrivano i frutti.

La spaccata di Vuthaj interrompe l’impasse che ha caratterizzato la primissima fase del match. Il Crotone impiega 18’ per spezzare l’equilibrio, capitalizzando un’azione lavorata collettivamente sulla catena di destra con il traversone di Bruzzaniti che trova al centro dell’area pronto l’attaccante albanese, al secondo centro in rossoblù. Il vantaggio regge il ritorno del Brindisi, che a rilento prova ad affacciarsi dalle parti di Dini, il quale improvvisamente in cattedra al minuto 38, dopo una lunga fase della sfida vissuta da osservatore inoperoso. Un triplo tentativo di Galeano trova l’opposizione anche del portiere, ma al terzo di questi Loiacono lo stende e provoca il penalty che lo stesso numero 10 pugliese calcia ma trova l’opposizione di Dini che si distende sulla sua destra e respinge il tentativo custodendo il prezioso vantaggio.

Zauli è costretto a rinunciare nell’intervallo a Papini, dolorante alla spalla e lasciato negli spogliatoi, con l’ingresso di Spaltro che rende ancora più inedita la composizione del pacchetto arretrato. Il Crotone riparte con il vantaggio minimo e l’intenzione di governare il match senza voler correre rischi, tenendo a distanza di sicurezza un Brindisi che non trova le chiavi per procurare brividi alla retroguardia rossoblù, che invece alza ritmo e intensità, aumentando anche i pericoli.

Il Croton sfiora il raddoppio con la duplice chance collezionata da Giron e D’Ursi che nel giro di un minuto mettono i brividi alla porta brindisini con due conclusioni violente. Ma è il preludio della seconda gioia della serata firmata proprio da Spaltro, alla prima rete in assoluto in maglia rossoblù e bravo a coordinarsi di testa sugli sviluppi di un corner cesellato da Giron e con una torsione perfetta che traccia il pallone in fondo al sacco. Un acuto che mette in discesa la sfida per i rossoblù, costretto però al cambio tra i pali con Dini, non al meglio, rilevato a metà ripresa da D’Alterio. Nel frattempo però monta la rabbia del popolo brindisino.  Il doppio svantaggio indispettisce infatti la tifoseria di casa che perde la pazienza e lancia fumogeni in campo che costringono ad una breve interruzione. La partita è in cassaforte, anche perché il Brindisi non ha la forza tecnica e mentale di animare una rimonta credibile, favorendo una gestione del Crotone pulita e senza affanni. Con l’approdo al traguardo sul velluto e una ulteriore iniezione di fiducia collettiva.

BRINDISI 0
CROTONE 2

MARCATORI: 18’pt Vuthaj (C), 18’st Spaltro (C)

BRINDISI: Albertazzi; Bellucci, Bizzotto, Cappelletti (33’st Monti), Valenti, Petrucci (7’st Ceesay), Malaccari, De Angelis (7’st Lombardi), Nicolao (13’st Albertini); Galano, Bunino (33’st Moretti). A disp.: Saio, Auro, Vona, Gorzelewski, Cancelli, Mazia, Fall, Costa, Ganz. All. Roselli
CROTONE: Dini (24’st D’Alterio); Papini (1’st Spaltro), Loiacono, Crialese; Bruzzaniti (37’st Giannotti), Petriccione, Vinicius, D’Ursi (37’st Jurcec), Giron; Vuthaj (44’st Cantisani), Gomez. A disp.: Lucano, Schirò, Rojas, Pannitteri, Felippe. All. Zauli
ARBITRO: Gianquinto di Parma
AMMONITI: Papini (C), Crialese (C), Vinicius (C)
NOTE: al 39’pt Dini respinge un calcio di rigore calciato da Galano

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Abbonati