Rifiuti, differenziata: Isola Capo Rizzuto verso il 60 per cento

rifiuti, arpacal, solidi urbani, raccolta differenziata, report 2017

ISOLA CAPO RIZZUTO – La raccolta differenziata al giro di boa del cinquanta per cento. Lo rende noto il sindaco di Isola Capo Rizzuto, Gianluca Bruno, sventolando i dati parziali dell’anno in corso comunicati dall’impresa che svolge il servizio: “Dal primo gennaio 2017 e fino al 31 ottobre 2017, la ditta Rocca ha comunicato al Comune di Isola le proiezioni sui dati differenziati che si attestano ad una percentuale intorno al 56,27%”. Dati “molto confortanti” dichiarano il primo cittadino e la sua giunta, che “dimostrano la capacità, da un lato, della cittadinanza di saper differenziare, dall’altro dell’impresa che, attraverso il proprio personale dipendente, ha svolto un eccellente servizio”.

Il servizio di raccolta differenziata ad Isola Capo Rizzuto è stato avviato a fine aprile 2016 e si è chiuso al termine del primo anno con la percentuale del 38 per cento. L’obiettivo nell’immediato è il 60 per cento, sperando che la Regione si decida ad assegnare un codice produttore ai rifiuti del Cara di Sant’Anna, che incidono negativamente sulla differenziata. Dopo aver bussato a tutte le porte degli uffici regionali in materia, Bruno si è rivolto al prefetto annunciando che se entro la fine dell’anno la Regione non procederà alla classificazione dela monnezza del centro migranti, bloccherà i pagamenti per il conferimento dell’indifferenziato in discarica.