I San Sebastiano di Mattia Preti in mostra al castello

mostra1

Giovedì 22 ottobre al museo civico del Castello Carlo V di Crotone è stata inaugurata la mostra ‘Mattia Preti dipinge San Sebastiano’, promossa dalla Regione Calabria e dal Segretariato regionale del ministero dei Beni culturali e realizzata con il coordinamento scientifico del Polo museale della Calabria e della Soprintendenza belle arti e paesaggio calabrese.

La mostra, a cura di Nella Mari e di Giuseppe Mantella, ripercorre l’intensa, lunghissima e originale vicenda artistica di Mattia Preti, tra i maggiori esponenti della pittura italiana del Seicento, attraverso l’attenta disamina e il puntuale raffronto – stilistico, iconografico e tecnico – di quattro dipinti raffiguranti San Sebastiano. Realizzate in un arco di tempo di circa un trentennio, dalla fine degli anni cinquanta del Seicento fino al 1687, le opere esposte, provenienti dalla Galleria nazionale di Cosenza, dalla chiesa di San Domenico di Taverna, dalla chiesa dell’Immacolata Concezione di Maria, detta di Sarria di Floriana a Malta e dal Museo civico di Taverna, documentano, con straordinaria concretezza ed efficacia, il cursus artistico di Mattia Preti.

Protagonista dell’età barocca, Mattia Preti è considerato uno dei massimi esponenti dell’arte italiana ed europea del XVII secolo. La sua pittura, carica di vivacità espressiva e di tensione drammatica, si ispira alle atmosfere del Caravaggio e ai contrasti luministici del Guercino, ma anche alle ardite composizioni e ai colori della pittura del Veronese o del Tintoretto.

PRESENTI all’inaugurazione: Salvatore Patamia, responsabile del Segretariato regionale del Ministero; Angela Tecce, direttore del Polo museale della Calabria; Margherita Eichberg, soprintendente regionale belle arti e paesaggio; Nella Mari, direttore della Galleria nazionale di Cosenza. Porteranno i saluti di rito Mario Oliverio, presidente della Giunta regionale, e Peppino Vallone, sindaco di Crotone.

La mostra resterà aperta al pubblico fino al 10 novembre, tutti i giorni tranne la domenica pomeriggio, orario 9.00/13.00 e 15.00/19.00. Dopo Crotone, la mostra si sposterà a Reggio Calabria dove sarà visitabile, presso palazzo Foti, dal 13 novembre al 10 dicembre.