Aeroporto, anche la chiesa per l’azionariato popolare

“La vicenda dell’Aeroporto Sant’Anna rischia di risolversi in un nuova delusione per Crotone ed i territori limitrofi”, e per questo motivo la “Chiesa del Crotonese, che riconosce nel diritto alla mobilità uno dei cardini dello sviluppo sociale, economico e spirituale” sollecita la comunità ad un maggiore impegno da sostanziare in “forme di azionariato popolare, al quale la Chiesa di Crotone assicurerà anche il proprio impegno di partecipazione”.

È quanto si legge in un comunicato dell’Arcidiocesi di Crotone-Santa Severina. “Le strutture aeroportuali – si legge nella nota – sono apparati complessi che richiedono organizzazione ma anche supporto da parte di tutte le realtà, aziendali e non, che si rendono conto dell’importanza socio-economica del loro mantenimento in vita. Il deficit infrastrutturale del territorio crotonese e di tutta la fascia ionica centro settentrionale (assenza di collegamenti ferroviari e stradali degni di questo nome) implica che una struttura, quale quella di un aeroporto, si è rivelata tra le poche in grado di tutelare le aspettative economiche e turistiche degli operatori e dei cittadini tutti”.

“Senza la possibilità del mezzo aereo – secondo l’Arcidiocesi crotonese – si va verso l’isolamento totale in quanto le alternative, sia pur meritorie, delle linee bus, scontano esse stesse una precarietà strutturale dolorosamente certificata da recenti luttuosi episodi. Spetta a tutta la comunità crotonese impegnarsi nella difesa di quest’ultima porta di comunicazione e supportare il tentativo di tener in vita il Sant’Anna operato dal curatore fallimentare”. Quanto all’idea dell’azionariato popolare, per la Chiesa di Crotone non esistono altre alternative: “il destino di Crotone, venute meno le garanzie pubbliche, è tutto, come sempre, nelle mani dei cittadini, nessuno escluso”.