Aeroporto, il Comune di Crotone contro Sacal e Flyservus

aeroporto crotone, oneri di servizio, elisabetta barbuto, wanda ferro

CROTONE – Azioni immediate contro chi ha preso in giro una città ed il suo territorio. E’ questo il senso del documento votato all’unanimità da tutti i capigruppo consiliare per ribadire la posizione del Consiglio comunale nell’ambito della vicenda del mancato avvio dei voli dall’aeroporto di Crotone da parte della compagnia Flyservus scelta dalla Sacal.

Un documento unitario contraddistinto da 4 punti:

  • una azione dimostrativa forte a Lamezia ed anche a Roma;
  • un incontro con il managment di Sacal, alla presenza di Regione, Enac, Ministero dei trasporti e parlamentari crotonesi, per avere immediatamente una compagnia aerea seria che possa attivare subito voli da Crotone;
  • un incontro con il governatore Mario Oliverio per chiarire una volta per tutte la posizione della Regione riguardo all’aeroporto di Crotone;
  • una azione legale verso Flyservus, Sacal e probabilmente anche Enac.

Ricordando che “l’idea di società aeroportuale unica è una idea governativa”, il sindaco Pugliese ha sottolineato l’importanza del voto unanime sul documento da parte dei capigruppo “a dimostrazione dell’unità di intenti della città per far capire che Crotone non ci sta e quello che è accaduto offende nostra intelligenza”. Il sindaco, con accanto tutti i capigruppo consiliari, ha ribadito che le azioni previste saranno immediate perché “siamo andati oltre nell’aver dato fiducia a chi non l’ha meritata”.