Alle scuole contributi fino al 90% per l’acquisto di giornali

Avranno tempo fino al 10 marzo 2021 le scuole italiane per presentare domanda e chiedere un contributo (fino al 90 per cento) delle spese per l’acquisto giornali.

Con l’articolo 1, commi da 389 a 392, della legge 27 dicembre 2019, n. 160 (legge di bilancio 2020), infatti, è stata prevista, per le istituzioni scolastiche, la possibilità di accedere, a decorrere dall’anno 2020, a specifici contributi destinati a sostenere i costi per l’acquisto di abbonamenti a giornali quotidiani, periodici e riviste scientifiche e di settore, in formato cartaceo o digitale. Anche il Crotonese rientra tra questi giornali che possono essere acquistati dalle scuole.

I contributi alle scuole (fino al 90 per cento della spesa sostenuta) rappresentano un concreto sostegno economico alle istituzioni scolastiche non soltanto come ausilio scientifico all’attività didattica, ma anche come strumento per la promozione della lettura tra gli studenti e, in particolare, mirano a favorire l’acquisizione della capacità di una lettura critica, anche attraverso il confronto tra diversi prodotti editoriali.

Si tratta di due contributi, entrambi fino al 90 per cento.- Uno è relativo all’acquisto di uno o più abbonamenti a “periodici e riviste scientifiche e di settore, anche in formato digitale”; il secondo interessa “l’acquisto di uno o più abbonamenti a quotidiani, periodici e riviste scientifiche e di settore, anche in formato digitale, a favore delle istituzioni scolastiche, statali e paritarie, che adottano programmi per la promozione della lettura critica e l’educazione ai contenuti informativi”.

Come si legge sul sito di repubblica.it, si tratta di un contributo nell’ambito dei Piani per l’offerta formativa rivolti agli studenti che frequentano la scuola secondaria di primo grado”. Potranno beneficiare dei due bonus le 8074 scuole statali e le 3607 paritarie, 11654 in tutto. La domanda può essere presentata accedendo all’area Sidi seguendo le istruzioni operative che le istituzioni scolastiche hanno ricevuto dalla Direzione Generale per lo Studente (leggere la nota 385 del 8 febbraio 2021).