Ambiente&Salute, Cnr: il Cisas presenta i primi dati sul Sin di Crotone

cisas, cnr, sin, crotone cassano cerchiara, eni, syndial, metalli pesanti

Ambiente e salute a Crotone: una relazione da conoscere è il tema del convegno in programma a partire dalle nove di martedì 7 maggio nell’Auditorium dell’Istituto d’istruzione superiore Pertini-Santoni, a cura del Cnr in collaborazione con il Comune e Arpacal. Il convegno è dedicato alla presentazione del progetto Cisas Centro internazionale di studi avanzati su ambiente, ecosistema e salute umana e dei primi risultati sullo stato di salute dell’uomo e dell’ambiente nei siti d’interesse nazionale.

Dopo i saluti e le presentazioni di rito, i relatori illustreranno agli allievi ed alle allieve del quarto anno delle scuole secondarie di II grado di Crotone la sfida nella quale si stanno cimentando i ricercatori di quattro istituti del Cnr insieme ad un nutrito gruppo di collaboratori delle più importanti istituzioni di ricerca italiane, per investigare a fondo i fenomeni di inquinamento ambientale e le conseguenze sull’ecosistema e sulla salute umana nelle aree industriali siciliane di Augusta/Priolo e Milazzo e di Crotone in Calabria

A differenza dei Sin siciliani, quello “di Crotone è attualmente poco studiato e relativamente limitate sono le conoscenze dell’impatto della contaminazione del complesso industriale, ormai chiuso, sulla salute dell’ecosistema e dell’uomo”. I dati a disposizione registrano “eccessi di mortalità per epatiti virali e tumori” e “di ricoverati per tutti i tumori maligni, malattie ischemiche, malattie cerebrovascolari, dell’apparato respiratorio, digerente, urinario ed epatico, nefrite“. Di contro, rileva la task force dei ricercatori Cisas, “la concentrazione dei metalli nei prodotti pescati nell’area non sembrerebbe rappresentare una criticità per la sicurezza dei consumatori”.

“Il convegno – spiega una nota del del Consiglio nazionale delle ricerche – sarà l’occasione per avviare un’indispensabile azione di comunicazione e divulgazione con le scuole, le associazioni, gli enti pubblici e l’intera comunità locale che continuerà ad essere informata, attraverso incontri programmati, sugli obiettivi e i risultati del progetto di ricerca Cisas”, avviato nel 2016 e destinato a concludersi a gennaio 2021, dopo aver ottenuto di recente un anno di proroga rispetto alla scadenza iniziale del 2020. Inoltre “verrà lanciato un concorso per un elaborato originale sul tema Ambiente e Salute a Crotone che sarà premiato nell’arco dell’anno scolastico 2019-2020″.

“Per i ricercatori di Cisas gli studenti sono un interlocutore prezioso per diffondere le conoscenze sull’ambiente locale, per suscitare in loro interesse verso una tematica di estrema attualità nell’intera regione e per la ricerca scientifica nel suo complesso” prosegue la nota del Cnr. Ai ragazzi “sarà data l’occasione di relazionarsi con gli esperti che offriranno loro spiegazioni chiare e semplici, sviluppando una serie di riflessioni sul tema della responsabilità ambientale”.

La giornata si aprirà con i saluti del sindaco Ugo Pugliese e dei commissari straordinari di Arpacal, Maria Francesca Gatto, e di Asp Crotone Antonio Graziano. Modera il direttore del Dipartimento provinciale Arpacal di Crotone, Rosario Aloisio. L’Agenzia calabrese per la protezione dell’ambiente ha fornito, relativamente al sito d’interesse nazionale di Crotone, il suo supporto tecnico-scientifico al Cisas.

Il progetto, che gode di una dotazione finanziaria di sei milioni e mezzo ed è stato già presentato una prima volta a Crotone il 16 maggio 2018 nei locali della Biblioteca dell’Ospedale civile, è finalizzato alla realizzazione di un Centro internazionale di studi avanzati su ambiente ed impatti su ecosistema e salute umana presso l’ex complesso monumentale Roosevelt di Palermo, sede del neo Polo di eccellenza del Mar Mediterraneo.