Bruno: rimuovere il cantiere inattivo tra il bivio di Sant’Anna e la statale 106

Se quei new jersey che riducono la carreggiata non sono necessari, se cioè il cantiere non è attivo ed i lavori non riprenderanno a breve, allora vanno rimossi. E’ quello che il sindaco di Isola Capo Rizzuto Gianluca Bruno chiede in proposito delle barriere di sicurezza che limitano la transitabilità del tratto di 106 tra il bivio di Sant’Anna e l’aeroporto, nel territorio del suo Comune.

Nella missiva indirizzata all’Anas e, per conoscenza, al prefetto di Crotone Vincenzo De Vivo, Bruno ricorda che il cantiere, con lavori attualmente fermi, dovrebbe avere lo scopo di allargare la carreggiata, ma di fatto attualmente la restringe ulteriormente. “Con l’arrivo della stagione estiva  – sottolinea, però, Bruno – quel tratto di strada è oggetto di un aumento esponenziale del traffico e l’attuale condizione ne determina una oggettiva pericolosità per gli utenti della strada. Inoltre, i residenti della contrada, lamentano un’estrema difficoltà e pericolosità nelle manovre di entrata e di uscita tra la contrada Sant’Anna e la statale 106”.

“Al fine di scongiurare il verificarsi di eventi drammatici, che di certo in passato non sono mancati sul tratto in questione, si richiede – conclude il sindaco di Isola – un sollecito intervento per rimodulare l’area di cantiere o, qualora i lavori non siano di prossimo avvio, la riapertura totale della strada con rimozione dei new jersey che attualmente ne impediscono la regolare viabilità e la sicurezza stessa”.