Buono spesa, il Comune completa l’erogazione di tutti i fondi

assunzioni comune crotone, assessore benedetto proto, polizia municipale, quota 100

CROTONE – La dirigente dei servizi sociali del Comune di Crotone, dottoressa Teresa Sperlì, si è decisa ad approvare l’integrazione del buono spesa per i nuclei familiari disagiati a seguito dell’emergenza coronavirus. Il provvedimento – che giunge in grande ritardo rispetto alle attese della popolazione, nonostante il via libera del commissario straordinario con l’individuazione dei criteri per l’assegnazione risalga al 2 aprile scorso – porterà all’utilizzo della rimanente somma di 331.899 ed al completamento, di conseguenza, dell’erogazione dei 574.596 euro messi a disposizione dall’ordinanza del dipartimento di Protezione civile del 29 marzo 2020.

L’integrazione comporta l’erogazione del beneficio ai nuovi soggetti ammissibili all’interno dell’attuale elenco delle domande risultate idonee ma non beneficiarie,
e di un importo aggiuntivo a coloro i quali lo hanno già ricevuto. Destinatari sono i nuclei che al momento della presentazione dell’istanza non percepiscono alcuna forma di reddito o contributo/misura di sostegno pubblico, e coloro i quali, già percettori di un sostegno economico pubblico o di una forma di reddito, possono beneficiare del buono spese pari alla differenza fra lo scaglione di appartenenza del proprio nucleo familiare e l’importo del sussidio economico percepito.



In questo articolo: