Camera di Commercio, invito alle aziende alimentari a donare eccedenze a soggetti in difficoltà

La situazione di grave emergenza epidemiologica che ha coinvolto il Paese, sta causando a molti nuclei familiari un ulteriore aggravio delle loro condizioni di disagio economico. Le misure restrittive imposte dal Governo e il conseguente indebolimento delle reti di prossimità (parentali, vicinato), stanno provocando, specie per i gruppi sociali più deboli, una situazione di difficoltà tale, in alcuni casi, da non permettere loro il soddisfacimento dei bisogni primari.

Per rispondere a tale situazione, la Camera di commercio di Crotone, nell’ambito delle attività previste dal C.O.C., ha avviato un’attività volta alla sensibilizzazione delle aziende operanti nel campo della distribuzione alimentare al fine di individuare, raccogliere e distribuire le eccedenze alimentari eventualmente presenti negli esercizi commerciali.

A questo proposito, è stata avviata un’attività di sensibilizzazione a mezzo PEC al fine di verificare la disponibilità a fornire prodotti alimentari di prima necessità da distribuire alle famiglie bisognose per il tramite delle associazioni di volontariato e della Croce Rossa Italiana.

L’iniziativa è nata a seguito delle numerose riunioni del C.O.C. – Centro Operativo Comunale di Protezione Civile del Comune di Crotone (costituito lo scorso 10 marzo) nel corso delle quali si sono sollecitati tutti i componenti ad intraprendere azioni di sensibilizzazione sull’aiuto ai soggetti in difficoltà.

“La Camera di commercio di Crotone è vicina alle imprese e ai cittadini in questo momento di grande difficoltà – sono le parole del presidente dell’Ente camerale Alfio Pugliese –e faremo tutto quanto è  nelle nostre possibilità per rispondere alle esigenze dei crotonesi. Invitiamo, pertanto, le aziende della GDO a rispondere al nostro appello per la distribuzione delle eventuali eccedenze alimentari ai più bisognosi. Non facciamo andare sprecato ciò che per molti concittadini potrebbe diventare l’unico mezzo di sostentamento”.