Chiesa, monsignor Cantafora: Diocesi si stringa a nuovo vescovo

chiesa, giuseppe schillaci, lamezia terme, luigi cantafora

LAMEZIA TERME – “A tutta la Diocesi dico: stringiamoci al nuovo pastore come un padre e facciamo in modo che il nuovo Vescovo sia veramente accolto. Sono felice che mons. Schillaci abbia nel suo ministero una significativa esperienza come Rettore del Seminario. Così saprà stare vicino a tutti. In particolare ai giovani”. Lo dice il vescovo di Lamezia Terme, mons. Luigi Antonio Cantafora, annunciando, al clero diocesano lametino la nomina del nuovo presule che andrà a sostituirlo, mons. Giuseppe Schillaci.

“Ringraziamo il Signore – aggiunge mons. Cantafora – che non fa mai mancare i pastori, specie in questo tempo spesso privo di punti di riferimento. Attraverso i pastori noi siamo legati all’unico Pastore che è Cristo, volto radiante del Padre, amore gratuito che sazia veramente il nostro cuore. Per questo accompagniamo con la preghiera il nuovo pastore della Chiesa che è in Lamezia Terme, mons. Giuseppe Schillaci, a cui va tutto il mio affetto e già la mia stima. Accompagniamo con la preghiera mons. Schillaci, con il desiderio di consegnare al suo cuore sacerdotale e paterno, il cammino e la vita di questa Diocesi, mentre lo affidiamo alla Madonna della Quercia e ai nostri santi patroni”.

Mons. Schillaci è l’ottantasettesimo vescovo di Lamezia Terme. L’annuncio ufficiale è avvenuto stamattina alle 12 nel salone dell’Episcopio di Lamezia Terme e a Catania, arcidiocesi di provenienza del vescovo eletto e in contemporanea con la pubblicazione del Bollettino della Santa Sede. Mons. Cantafora, contestualmente, ha ricevuto la nomina di amministratore apostolico sino alla presa di possesso canonica del nuovo vescovo. E’ nato nel 1958 ad Adrano, provincia e Arcidiocesi di Catania. Dopo la maturità tecnica e gli studi universitari di filosofia alla statale di Catania, ha iniziato il percorso formativo nel Pontificio seminario Francese a Roma, che lo ha portato all’ordinazione sacerdotale, ricevuta nel 1987. E’ laureato in filosofia. Viceparroco e parroco nelle parrocchie di Adrano, poi ha esercitato il ministero nel Seminario arcivescovile, nel quale da undici anni è rettore.