Ciccio Artistico dice addio al Crotone

Il ‘Ciccio Artistico day’ si è consumato nella giovedì mattina con la partenza dell’attaccante che ha ottenuto dalla società la rescissione del contratto dopo la contestazione montata su dai tifosi lo scorso martedì.
“Lo avevo detto nell’immediatezza del fatto per cui la mia intenzione era di andare via e così è stato”.
Artistico adesso sta facendo rientro a Roma dove l’aspetta sua madre che in questo periodo non sta bene.
“Al di là di questo però la cosa che più mi ha fatto male è che forse quel trattamento proprio non lo meritavo. A Teramo come a Sora ho giocato con due infiltrazioni di Voltaren. Ero in scadenza di contratto e volendo potevo anche tirarmi indietro e salvaguardami sotto l’aspetto fisico visto che non sono più un ragazzino. Invece ho ritenuto opportuno impegnarmi finché c’è stato qualcosa per cui lottare. Adesso che siamo fuori da tutti i giochi ecco anche la contestazione che credo non sia il miglior ringraziamento.

Il ‘Ciccio Artistico day’ si è consumato nella giovedì mattina con la partenza dell’attaccante che ha ottenuto dalla società la rescissione del contratto dopo la contestazione montata su dai tifosi lo scorso martedì.
“Lo avevo detto nell’immediatezza del fatto per cui la mia intenzione era di andare via e così è stato”.
Artistico adesso sta facendo rientro a Roma dove l’aspetta sua madre che in questo periodo non sta bene.
“Al di là di questo però la cosa che più mi ha fatto male è che forse quel trattamento proprio non lo meritavo. A Teramo come a Sora ho giocato con due infiltrazioni di Voltaren. Ero in scadenza di contratto e volendo potevo anche tirarmi indietro e salvaguardami sotto l’aspetto fisico visto che non sono più un ragazzino. Invece ho ritenuto opportuno impegnarmi finché c’è stato qualcosa per cui lottare. Adesso che siamo fuori da tutti i giochi ecco anche la contestazione che credo non sia il miglior ringraziamento. Ho deciso dunque di andar via – spiega Artistico – e anche il danno economico non è stato di poco conto (l’attaccante ci ha rimesso circa 150 milioni delle vecchie lire, n.d.c.) ma questo non lo ritengo un problema”.
Quale futuro per Artistico?
“Adesso sto un po’ a casa e poi vedremo”.
Ha ricevuto attestati di solidarietà dopo i fatti di martedì scorso?
“Molti, tanta gente e tanti amici. Ma al di là di questo io conservo un buon ricordo di questa esperienza perché l’operato di pochi tifosi non potrà mai rovinare il rapporto che ho avuto con la città visto che quasi tutti si sono comportati bene con me. L’unico rammarico è stato quello di non aver raggiunto l’obiettivo minimo che era quello di entrare nei playoff, ragione per cui conserverò sempre un buonissimo ricordo, soprattutto quello del presidente”.
Questo il frutto della contestazione di martedì scorso ampiamente annunciata nella quale i tifosi hanno pesantemente contestato la squadra che appena è arrivata allo stadio, per la ripresa degli allenamenti, è stata fatta segno da un fitto lancio di uova. Artistico è quello che ne ha fatto maggiormente le spese mentre gli altri sono riusciti a schivare un’autentica grandinata d’uova al loro ingresso in campo.
Nulla hanno potuto però quando una cinquantina di persone hanno scavalcato la vetrata e aperto una porta che dà all’interno del rettangolo di gioco e sono entrati in campo nel bel mezzo dell’allenamento. C’è stato qualche piccolo alterco ma per fortuna tutto si è ricomposto. La contestazione è continuata anche se gli agenti della Digos che presidiavano lo stadio fin dalle prime ore del pomeriggio sono state costrette a chiedere rinforzi. Da allora lo stadio è stato presidiato dagli uomini della Questura di Crotone che nell’immediatezza dei fatti hanno proceduto a segnalare 11 tifosi alla magistratura.