Cirò, il Comune perfeziona l’acquisto del castello Carafa

CIRO’ – Il Comune ha perfezionato l’atto di acquisto del castello Carafa con l’approvazione da parte del Consiglio comunale dell’atto redatto dal notaio Carlo Perri. Il Comune ha acquistato il maniero per la somma di 512 mila euro (cifra indicata in una delibera del 3 maggio 2017 della precedente giunta comunale guidata da Mario Caruso. Il valore del castello è stato stabilito dalla Soprintendenza ai beni culturali della Calabria.
“Con l’approvazione dell’atto pubblico di acquisto del Castello Carafa – ha detto il sindaco Francesco Paletta -si conclude un’annosa e trentennale vicenda che ha visto protagonista i privati da una parte ed il Comune dall’altra e si compie un ulteriore passo in avanti lungo il percorso che ci vede impegnati dal primo insediamento ed in continuità con quanto realizzato dalle precedenti amministrazioni, nella riqualificazione e nel recupero di quella che è nei progetti – e ci si augura presto nei fatti – la sede della casa dei vini calabresi, l’Enoteca Regionale e della cittadella della Scienza dedicata a Lilio”.

L’edificio storico è destinatario di 2 milioni di euro da parte del Mibact, in attesa di essere formalizzati attraverso un’apposita convenzione.

Il Consiglio ha anche approvato lavori pubblici di somma urgenza per 120 mila euro i primi interventi e ufficializzato la somma di 600 mila euro per danni su tutto il territorio comunale dagli eventi alluvionali. Per i danni del maltempo del 28 ottobre sarà predisposta una delibera di giunta ad hoc. Discusso il piano di dimensionamento scolastico per l’anno 2019-2020 confermandosi favorevole al mantenimento dell’offerta formativa dell’istituto omnicomprensivo Luigi Lilio di Cirò; ha approvato la variazione di bilancio ed ha esaminato le problematiche legate al Piano Strutturale associato (PSA)