Cirò Marina, scioglimento Consiglio: per 18 mesi ci sarà la commissione prefettizia

cirò marina, marco minniti, operazione stige, farao-marincola

CIRO’ MARINA – Sarà commissariato per diciotto mesi il Consiglio comunale di Cirò Marina che è stato sciolto per infiltrazioni mafiose in seguito all’operazione Stige. Un provvedimento che era stato preso dalla Prefettura di Crotone in attesa del decreto presidenziale che è stato firmato dal Capo dello Stato, Sergio Mattarella il 19 gennaio scorso. Il decreto del Presidente della Repubblica sancisce lo scioglimento del Comune di Cirò Marina – affidandone la gestione alla commissione straordinaria  composta dal Prefetto Gualtieri, dal Viceprefetto Zito e dal funzionario economico-finanziario Ielo – ed indicando la durata della sospensione in 18 mesi. Periodo durante il quale la commissione eserciterà le attribuzioni spettanti al Consiglio comunale, alla Giunta e al Sindaco.

Il provvedimento prefettizio era stato adottato, nelle more del decreto presidenziale, allo scopo di assicurare continuità amministrativa all’Ente, ricorrendone le ragioni di urgente necessità dopo l’operazione Stige che aveva portato in carcere il sindaco Nicodemo Parrilla, il vicesindaco, Giuseppe Berardi e l’ex sindaco ed attuale consigliere comunale Roberto Siciliani.