Comune, Pugliese replica ai sindacati: pontificano senza proporre mai nulla

Durissima la replica del sindaco di Crotone Ugo Pugliese alle critiche che ieri erano state rivolte all’attività della sua amministrazione, sostanzialmente accusata di immobilismo, dai segretari provinciali delle organizzazioni sindacali Mammoliti della Cgil, Mingrone della Cisl e Tomaino della Uil. “I signori sindacalisti pontificano ma non propongono mai nulla per il fare. Salvo poi a chiamare le istituzioni quando affonda il mercato del lavoro da loro stessi inquinato” esordisce Pugliese che proseguendo su questo solco affonda poi la lama: “come sempre chi è comodamente affacciato alla finestra non perde occasione, per dimostrare la propria esistenza, di attaccare gli altri e non magari utilizzare i media per illustrare quali brillanti risultati sono stati capaci di portare sul territorio. L’asfittica azione sindacale, evidentemente, ha bisogno di un nemico da colpire per provare a portare in piazza qualche decina di persone per poter dire al mondo: ‘noi ci siamo’. Peccato che il bersaglio sia sbagliato”.

Pugliese premette di non volere elencare i risultati raggiunti in tre anni di attività amministrativa ma si sofferma su alcuni punti. “Ci attaccano sul personale. Bene noi saremo l’unica ‘azienda’ che su questo territorio assumerà in tre anni un numero così consistente di forza lavoro. Parliamo di settanta unità lavorative che arriveranno in un Ente che da trent’anni non praticava una politica del personale così decisiva ed efficace. Ma evidentemente in questi anni i sindacati sono stati distratti e non si sono accorti che la pianta organica dell’Ente si impoveriva di anno in anno. Non troverete un rigo espresso dai sindacati negli anni scorsi. Sono distratti, evidentemente presi ad inseguire ‘bufale’ come quella sui dati sensibili violati”.

Il sindaco passa quindi all’argomento principe: “proprio ieri ho annunciato l’avvio della bonifica dopo vent’anni di chiacchiere. Dove sono stati i sindacati negli anni passati inutilmente ma anche in questi mesi così decisivi per il futuro della città? Erano distratti evidentemente”.

E ancora: “siamo l’amministrazione che ha portato finanziamenti consistenti che fanno registrare all’Obi, l’osservatorio bancario italiano, come Crotone, insieme a Matera, sarà l’unica provincia a crescere nel prossimo biennio rispetto al resto d’Italia Non hanno avuto tempo di leggere la relazione dell’Obi, i sindacati. Erano distratti. Non si sono accorti della politica di risanamento che abbiamo attuato nell’Ente Provincia che versava in condizioni disastrose tanto da non poter nemmeno assicurare lo stipendio ai dipendenti. Adesso non solo siamo in grado di assicurare gli stipendi ma anche programmare interventi per il territorio provinciale. E i sindacati? Distratti”.

“Sono talmente distratti, o impegnati a parlar male – incalza Pugliese – che disertano anche importanti tavoli istituzionali relativi al futuro lavorativo di persone che dovrebbero tutelare come è avvenuto recentemente alla riunione indetta in Prefettura per la vertenza Abramo disertata dalla Uil”.

Quindi l’affondo: “taccio del fatto che alcuni sindacati ormai sono una monarchia dove il “regno” si passa di padre in figlio, taccio che altri utilizzano il sindacato come trampolino di lancio elettorale, che altri si limitano a pontificare senza nemmeno conoscere la materia oggetto del confronto. Non ho tempo per dedicarmi alla sterile polemica. Dobbiamo lavorare per la città. Noi non ci distraiamo, non cerchiamo un nemico da abbattere per giustificare la nostra presenza. Questo non è più tempo di giochetti, di tiro al bersaglio. E’ il momento di lavorare per il territorio. Lavorare per la gente. Credo e spero che siano parole che i sindacati ancora ricordino se non sono tanto distratti”.