Coronavirus, ordinanze sindaci crotonesi: chi arriva da aree a rischio comunichi sua presenza

CROTONE – Praticamente tutti i sindaci dei comuni della Provincia hanno emesso ordinanze o pubblicato sulle pagine facebook dei loro comuni gli inviti per coloro che sono tornati dal Nord Italia a comunicare il loro rientro per poter prevedere eventuali iniziative di carattere precauzionale per evitare una possibile diffusione del Covi-19. Si tratta di una iniziativa che hanno preso i primi cittadini del crotonesei, così come tanti loro colleghi in Italia, in considerazione di un massiccio rientro di persone che si trovano nel Nord Italia attualmente al centro di focolai del coronavirus. Si possono contattare i numeri di telefono 1500 oppure 0961.883346 e 0961.883016 della Regione Calabria.

In particolare l’obbligo di comunicazione al Comnune, all’Asp ed ai medici di famiglia  è rivolto a tutti coloro che provengono o hanno transitato o  sostato dal 1° febbraio 2020 nei comuni interessati dal coronavirus  indicati nel decreto del Presidente del Consiglio dei ministri (Bertonico, Casalpusterlengo, Castelgerundo, Castiglione D’Adda, Codogno, Fombio, Maleo, San Fiorano, Somaglia, Terranova dei passerini e Vo’) oltre che dalle aree a rischio (Cina, Giappone, Corea del Sud, Corea del Nord ed Iran).

Un invito invece a svolgere gli stessi adempimenti è destinato a coloro che provengono dalle regioni interessate all’epidemia (Lombardia, Piemonte, Veneto ed Emilia Romagna). I sindaci ordinano anche alle autorità scolastiche di segnalare la presenza di personale docente, studentesco o ausiliari proveniente da aree a rischio; agli operatori economici – ed in particolare di albergatori – di segnalare la presenza di clienti o fornitori provenienti da aree a rischio