Corte dei conti Calabria: amministrazioni e revisori dei conti spesso ‘latitanti’

corte dei conti, catanzaro, rossella scerbo, anno giudiziario, revisori dei conti

CATANZARO – “Un dato significativo nelle denunce e’ quello della ricorrente latitanza delle amministrazioni danneggiate e dei revisori dei conti”. Lo ha detto il procuratore regionale della Corte dei Conti, Rossella Scerbo, in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario della magistratura contabile calabrese.

“Si tratta – ha proseguito Scerbo – di un comportamento da censurare perche’ in violazione di specifici obblighi di denuncia e che potrebbe avere conseguenze pregiudizievoli per esempio in termini di prescrizione, considerato che il termine iniziale decorre dall’oggettiva conoscibilita’ da parte della Procura o dell’amministrazione danneggiata”.

“In particolare – ha concluso il procuratore della Corte dei conti – preoccupante e’ l’atteggiamento dei collegi revisori dei conti che non mandano nessuna segnalazione, se si considera che in Calabria molti Comuni versano in una grave situazione di dissesto finanziario nella quale e’ facile che vi sia un danno erariale”.