Cotronei, Trepidò: deceduto l’uomo che ha dato alle fiamme il Brigantino

E’ deceduto dopo dieci di giorni di agonia all’ospedale Cannizzaro di Catania il 55enne autore dell’incendio che ha distrutto lo storico locale ‘Il Brigantino’ di villaggio Palumbo a Cotronei. L’uomo, che era rimasto travolto dalle fiamme e dai detriti dell’esplosione, era ricoverato in prognosi riservata. Nell’immediatezza dell’episodio, nonostante la gravità delle ustioni riportate, per sottrarsi alla cattura aveva evitato le cure mediche, una scelta che gli è costata la vita. L’uomo è infatti morto per le infezioni sopraggiunte alle ferite.

L’incendio è stato appiccato nella notte tra il 5  dil 6 marzo scorsi. Le fiamme hanno completamente distrutto l’immobile, circa duemila metri quadrati adibiti distribuiti tra un’esposizione di antiquariato, bar, ristorante e negozio di prodotti tipici. Ci sono volute tre squadre dei vigili del fuoco, provenienti da Crotone, Petilia Policastro e San Giovanni in Fiore, e sei ore di lavoro per spegnerlo ed evitare che venissero coinvolte altre strutture del villaggio.

Ricoverato prima all’ospedale di Catanzaro, il piromane era stato poi traferito a Catania dove è spirato ieri sera. Ai carabinieri, che lo hanno prelevato nella sua abitazione, non aveva saputo spiegare i motivi del suo gesto.