Covid, Bonesse (Gd): riaprire gli ospedali di Cariati e San Giovanni per dare sostegno a quello di Crotone

CROTONE – “Bisogna considerare la ri-apertura a pieno regime degli ospedali di Cariati e San Giovanni in fiore perché questi prendono anche una parte considerevole dell’utenti della Provincia di Crotone”. E’ quanto scriver Matteo Bonesse, segretario dei Giovani democratici di Crotone a proposito della situazione Covid nel territorio di Crotone.

I Gd, ribadiscono la necessità di un “intervento dello Stato e della Regione per la situazione nella Provincia di Crotone” dove il contagio del virus è altissimo. Secondo i dati ufficiali Covid-19 nella provincia ci sono 958 casi attivi: “Per il nostro territorio – dice Bonesse – sono dati davvero incredibili, dato che non abbiamo mai avuto, nemmeno quando la situazione in Italia non era delle migliori. L’ospedale di Crotone è da molto tempo ormai sotto pressione, infatti, al Pronto soccorso arrivano continuamente persone che necessitano di assistenza che purtroppo il San Giovanni di Dio non può garantire. Il reparto Covid 1, con i trenta posti allestiti, è pieno da giorni e il reparto Covid 2 è stato da poco ri-allestito”.

Da qui la richiesta di riattivare i due ospedali di confine di Cariati e San Giovanni in Fiore: “Penso che il Governo e la Regione Calabria debbano prendere provvedimenti sulla situazione che la nostra Provincia sta affrontando. Abbiamo bisogno che vi siano ulteriori posti per tutte le persone che ne hanno bisogno perché nessuno deve essere lasciato solo. Più diritti per tutti. Garantire la Sanità pubblica è importante per tutti noi”.