Crolla il tetto della sala Calipari nella sede del Consiglio regionale

REGGIO CALABRIA – Il tetto dell’auditorium ‘Nicola Calipari’ all’interno di palazzo Campanella, sede del Consiglio regionale, a Reggio Calabria, è improvvisamente crollato oggi pomeriggio. Al momento dell’incidente all’interno non c’erano persone. Il tetto è collassato per cause che dovranno essere accertate. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco per una verifica della restante parte della struttura e per iniziare a verificare quali possano essere state le cause. L’aula ‘Calipari’ (nella foto) è la più spaziosa del palazzo ed è utilizzata per iniziative pubbliche.

“Un crollo per ora inspiegabile, un collassamento dell’intero tetto della struttura che si è abbattuto col suo peso immenso di tonnellate schiacciando tutti gli interni, distruggendo le file di poltrone, lo spazio-regia e il palco rialzato” commenta il presidente del Consiglio regionale Domenico Tallini. “Per fortuna nel primo pomeriggio, quando si è improvvisamente verificato il tracollo, a quanto pare l’Auditorium era deserto e non ci dovrebbero essere vittime né danni alle persone”.

Riservato ad eventi e congressi di grande rilevanza coi suoi 600 posti a sedere, l’Auditorium era stato inaugurato il 30 marzo 2005, con una solenne cerimonia ufficiale presenziata dall’allora presidente del Consiglio dei ministri, Silvio Berlusconi. Un’agorà elegante ed ipertecnologica, venne definita, ultimata in tempi record per consentire di rendere omaggio, a meno di un mese dalla sua morte, a Nicola Calipari, il funzionario del Viminale ucciso il 4 marzo 2005 mentre si recava in macchina all’aeroporto di Baghdad nelle fasi immediatamente successive alla liberazione della giornalista Giuliana Sgrena.

Nel corso degli anni l’Auditorium è stato sottoposto a numerosi interventi di adeguamento e qualche anno fa sul tetto era stata collocata una batteria di pannelli solari.