Crotone, sequestrati oltre mille chili di frutta al mercato di via Manna

CROTONE – Una operazione interforze si è svolta nella mattina del 13 marzo al mercato ortofrutticolo di via Manna. Carabinieri, Guardia di finanza, Polizia e Polizia locale hanno ispezionato tutti i box all’interno del locale per svolgere verifiche dal punto di vista fiscale, ma anche amministrativo e sanitario. Controlli sono stati eseguiti anche alle bancarelle dei venditori che si trovano all’esterno del mercatino per verificare il possesso di licenze ed autorizzazioni. Sono intervenuti i reparti specializzati nel settore come il Noe dei Carabinieri, il Nucleo dell’ispettorato del lavoro, Polizia amministrativa e scientifica.

L’attività interforze complessivamente ha permesso di controllare 79 attività commerciali; elevate 58 sanzioni amministrative per accertate irregolarità; effettuati dieci sequestri amministrativi per un totale di merce sequestrata pari a kg. 1.767,5. I prodotti ortofrutticoli sequestrati sono stati devoluti a tre associazioni caritatevoli di Crotone.

Nello specifico, la Guardia di finanza ha svolto verifiche su 41 attività commerciali trovandone solo tre regolari con partita Iva e misuratore fiscale. Sono 31 le attività irregolari dal punto di vista fiscale perché priva di partita Iva (quindi evasori totali), mentre 16 hanno partita Iva ma non il misuratore fiscale. Tutte queste attività irregolari sono state segnalate all’Agenzia delle Entrate. Nei confronti di altre 7 attività sono in corso approfondimenti sui requisiti per la vendita di frutta e verdura.

La Polizia di Stato ha controllato 34 attività di commercio, elevando nove sanzioni amministrative, per un importo totale di 38.212 euro ed effettuando  5 sequestri amministrativi di oltre mille chili di prodotti ortofrutticoli.

I Nas dei carabinieri, invece, hanno eseguiti tre sequestri di prodotti per complessivi 675 kg (di cui 652 di ortofrutta e 23 di alimenti senza etichetta) a venditori ambulanti che si trovano all’esterno del mercatino. I militari procederanno alle contestazioni amministrative relative alla mancanza di autorizzazioni per la vendita.